AD UN PASSO DALL’ABISSO

Posted on novembre 8, 2012 di


Ieri il Parlamento greco ha votato l’ennesima manovra di austerità per un totale di 13,5 miliardi di euro.

In questo modo (forse) la Grecia potrà accedere ai 31,5 miliari di aiuti promessi da FMI e UE per sostenere le sue banche e ripagare i propri debiti.

Più probabile una sua uscita dall’euro con relativo ritorno alla dracma.

Capite bene la follia di tutto processo in atto: si colpiscono i cittadini e le famiglie per salvare le banche e per tamponare i debiti pubblici.

Intanto, ecco un nuovo record per la Grecia: il tasso di disoccupazione greco il day-after l’approvazione del nuovo piano di austerità è salito al 25,4% dal 24,8% della precedente rilevazione . Ad agosto 2011 il dato si attestava al 18,4%….

C’è bisogno di dire altro?

Se non lo avete ancora capito o se siete arrivati su questo blog solo oggi, sappiate, cari cittadini, che questo processo è in corso in tutti i paesi d’Europa e, in particolare, nei PIIGS (Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia, Spagna).

Guardate bene queste immagini, perchè presto capiterà anche qui da noi.

E’ solo una questione di tempo.

Questa sarebbe l’Europa che è stata appena insignita niente meno che del premio Nobel per la pace!

Se non ci fosse da piangere, bisognerebbe ridere.

Grecia, nuovo pacchetto austerità passa di misura in Parlamento

Purtroppo questo processo riguarda un po’ tutti gli stati. Si prenda il caso Dexia: “Francia e Belgio salvano ancora Dexia: stati alla mercé delle banche”

I due paesi hanno deciso di ricapitalizzare l’istituto, dopo le forti perdite di bilancio. Giustamente nell’articolo ci si chiede: “ma con la crisi in atto e il recente allarme dell’Fmi, Parigi può permettersi di iniettare tutti questi fondi? E l’economia reale?”

Figuriamoci noi che siamo Pig…

Intanto, oggi, in Italia arriva la notizia che entro il 31 dicembre le regioni dovranno tagliare 30.000 posti letto  negli ospedali italiani.  Si dovrà passare nel prossimo triennio 2013-2015 a un rapporto di 3,7 letti ogni mille abitanti dall’attuale 4,2, la media nazionale. 

E le Province minacciano di tagliare il riscaldamento nelle scuole…

Come vedete siamo sulla stessa strada…

Guardate qui

indici,azionari,fallita,grecia,usa,italia

Fino al 2009 la Grecia e l’Italia seguivano gli Usa e vi era una stretta correlazione tra gli indici di borsa.

Poi, noi abbiamo seguito il paese ellenico, non la Germania o gli Usa.

La Grecia è fallita e la sua borsa ha anticipato tutto ciò.

Avete compreso?

Si distruggono i risparmi dei cittadini, si tagliano i servizi per salvare banche come il Monte dei Paschi di Siena!

Per dare una idea della gravità della situazione e della dimensione nell’allocare le poche risorse di cui disponiamo: Monti promette per il 2013 ben 50 ml di euro per le famiglie…25 ml di euro per le politiche giovanili...Ma sapete quanto ha dato ad una sola banca fallita (senza nazionalizzarla peraltro)? 4 MILIARDI!

A tutti coloro che ripongono ancora fiducia in questo signore dico: aprite gli occhi prima che sia troppo tardi.

Vi spremerà come limoni, vi succhierà ogni goccia di sangue, prenderà per sempre in ostaggio il vostro futuro e quello dei vostri figli!

Monti va immediatamente fermato e cacciato.

A tutti coloro che parlano di un Monti “salvatore della patria” dico di andarsi a rileggere i principali dati macroeconomici: nei mesi del Governo Monti sono tutti peggiorati!

Eccone solo alcuni:

  • Disoccupazione: nel 2012 c’è stato un incremento del tasso di disoccupazione (10,6%). Nel 2013 il tasso di disoccupazione continuerà a salire (11,4%)
  • Prodotto interno lordo: per il 2012 l’Istat prevede una riduzione del prodotto interno lordo italiano pari al 2,3%, ossia non c’è crescita economica
  • Consumi: crollo dei consumi con una contrazione del 3,2%. Giustamente senza lavoro e senza produzione cosa c’è da consumare?
  • Tasse: +10,627 miliardi di euro di entrate tributarie rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
  • Il rapporto tra il debito pubblico e il Pil ha registrato un nuovo record. Secondo i dati diffusi dall’Eurostat, nel secondo trimestre del 2012 il debito/Pil italiano è salito al 126,1% dal 123,7% dei primi tre mesi dell’anno.

Guardate il grafico della disoccupazione giovanile: terrificante!

In grecia siamo quasi al 60%!!! In Spagna poco sotto…e l’Italia è schizzata ad oltre il 35%…

Queste politiche di austerity basate su tagli della spesa pubblica e aumento delle tasse non fanno altro che condurre il popolo verso il baratro: disoccupazione e recessione economica.

Guardate qui: a maggio-giugno 2012

GRECIA ALLO STREMO: MEDICINE FINITE E MALATI IN FILA DAVANTI LE FARMACIE

Grecia: lo Stato non rimborsa, le farmacie chiudono

E guardate qui: novembre 2012

Farmacie chiuse a Valencia

Ora, capite perchè bisogna preoccuparsi?

Capite perchè il taglio dei posti letto mi fa correre un brivido freddo dietro la schiena?

La Trojka ha imposto le stesse misure che, al di là di alcune specificità nazionali, si ripetono costantemente.

Si tratta di una questione tra la vita e la morte quando mancano le medicine o non si puo’ essere adeguatamente curati.

E, dunque, la domanda da porsi dovrebbe essere questa: dobbiamo pagare gli interessi alla nostra “Elite” politica-finanziaria se questo puo’ significare anche una questione di vita o di morte?!

Leggete qui.

Signori, attenzione, perchè siamo messi veramente male.

La crisi sta procedendo ad un passo serrato. La Ue ha certificato che prima del 2014 non ci sarà alcuna ripresa! (altro che il 2013 e la “crisi alle spalle”, vero Monti!??)

Siamo dinanzi ad una recessione mondiale senza precedenti, che potrebbe diventare depressione.

Ci saranno milioni di senza lavoro, miseria e povertà, taglio dei servizi, fine del Welfare, chiusura delle imprese, limiti alle libertà individuali, tasse in aumento, salari che non staranno dietro all’inflazione, violenza, blocco dei capitali, etc, etc

Dopo la solita lettura provinciale italiota delle elezioni Usa e della vittoria di Obama, forse qualcuno guarderà questi grafici?

Obama non ha risolto alcun problema, anzi…

Ha stampato a più non posso…non ha fatto riforme che limitassero il potere della finanza…le spese militari con lui sono cresciute del 13% (altro premio nobel per la pace!) e, soprattutto, Obama è stato IL PRESIDENTE CHE HA RADDOPPIATO IL DEBITO DEGLI AMERICANI IN 4 ANNI PORTANDOLO AL 102% DEL PIL!

I mercati queste cose le sanno, e infatti, mentre gli italioti si commuovevano per Obama, commentavano la bellissima foto con Michelle, il trionfo dei diritti civili, proponevano improbabili paralleli e paragoni con la nostra politica e tante altre balle, facevano crollare le borse di tutto il mondo (con Milano ovviamente maglia nera)

Ed ecco altre bellissime notizie tra ieri ed oggi:

OLLI REHN  parla di un “certo rallentamento nel risanamento dei conti pubblici” Il commissario precisa che la riduzione del debito Italia è troppo lenta, e il rapporto della Commissione Ue conferma che il rapporto debito pil salirà ancora, e che il tasso di disoccupazione potrà salire fino al 12%. 

 
FITCH MINACCIA GLI STATI UNITI IL GIORNO DOPO IL VOTO: TAGLIATE IL DEBITO O VERRETE DOWNGRADATI…
 
Inps: l’allarme della Corte dei Conti “Il precariato inciderà sui trattamenti” (TAGLIO ALLE PENSIONI E’ SEMPRE PIU’ PROBABILE NEL 2013)
 
 
Esodati, bocciato l’emendamento che assicurava copertura economica: ancora merda per gli esodati…dopo tante promesse
 
Taranto, l’Ilva chiede cassaintegrazione per 13 settimane a 2mila dipendenti  avete una minima idea di quanto possa costare???
 
 
Il Meridione sta collassando (forse per questo modificano l’art. V della Costituzione?)
 
E i cittadini iniziano forse a nutrire qualche dubbio su questa Europa di banchieri e tecnocrati.
 
 
e vuoi vedere che si svegliano pure su Monti e Re Giorgio Napolitano?
 
Sondaggio Spincon: "Bocciati Napolitano (53%), Monti (63%) e il governo (68%)"
 
 
In mezzo a questo bollettino da guerra, i nostri partiti cercano una intesa sulla legge elettorale perchè NESSUNO VINCA (ergo: o grande ammucchiata che segua “l’agenda Monti” o un Montibis), rendendo di fatto inutile l’esercizio del diritto di voto.
 
Sono davvero nauseato da questo paese e da questa Europa.
 
Mi vergogno di essere italiano.
 
Abbiamo perso la nostra sovranità monetaria e fiscale.
Stiamo perdendo la nostra sovranità politica.
 
Abbiamo perso parte dei risparmi di una vita di sacrifi e di lavoro.
Stiamo diventando tutti più poveri, perdendo la dignità.
 
E’ ora di DIRE BASTA!
 
 
Posted in: #HomoOeconomicus