Dopo Cipro, la Germania mette l’Italia nel mirino

Posted on marzo 26, 2013 di


italia-nel-mirino

 

Nel post Dopo Cipro la Slovenia? e dopo?! ci eravamo chiesti chi “sarebbe stato il prossimo”…

Pare che l’Italia sia fortemente indiziata.

Del resto, si sa: quando i tedeschi si mettono in testa qualcosa, vanno fino in fondo.

E’ iniziato un lento lavorio ai nostri fianchi?

Prima la Bundesbank: “Monito Bundesbank all’Italia: avanti con riforme, rischio aiuti Bce”

Poi la Commerzbank…Vi ricordate il nostro post SIETE PRONTI? COMMERZBANK: IN ITALIA PATRIMONIALE DEL 15% ?

Ecco cosa scrivevamo qualche settimana fa nel post PERCHE’ RENZI RISCHIA DI PERDERE. I PERICOLOSI INCROCI TRA ITALIA E GERMANIA, prefigurando una scontata durezza tedesca con l’approssimarsi della scadenza elettorale di settembre.

Ecco le notizie che possono farci tremare:

1) In Germania sta nascendo “Alternative für Deutschland”. Il movimento, guidato da alcuni professori di economia,  vuole competere contro il partito unico degli Eurosalvataggi.

2) Rainer Brüderle, candidato FDP alla Cancelleria, dopo aver votato a favore di tutti gli eurosalvataggi, è tornato a fare campagna elettorale a basso costo, bulleggiando gli eurodeboli dicendo chiaramente che è possibile che l’Italia esca dall’Euro.

e soprattutto:

3) SONDAGGIO EMNID, ANCHE IN GERMANIA EFFETTO GRILLO: IL 26% DEI TEDESCHI A FAVORE DI PARTITO ANTIEURO

Ora, la domanda che vi pongo è la seguente: secondo voi la “culona” che farà?

Allenterà le morse dell’austerità?

Nein!

Cederà alle richieste che si levano dai morenti Piigs?

Nein!

Non puo’ semplicemente permetterselo.

Basta sentire il dibattito in Germania e cosa pensano i cittadini.

E a proposito del dibattito in Germania, non perdetevi il post: Ecco cosa pensa l’uomo medio tedesco di noi italiani (e Merkel lo sa..)

Insomma, ci siamo capiti, vero?

Ieri a gettare benzina sul fuOco ci ha pensato Dijsselbloem (laburista, votato da tutti ad eccezione della Spagna) presidente Eurogruppo: “Modello Cipro esportabile in altri paesi in difficoltà”.

Oggi, anche dietro le critiche del Governatore della banca di Francia, si cerca di tamponare le sue dichiarazioni, ma il danno (voluto) ormai è stato fatto.

Nel frattempo in italia, mentre il paese spofonda,  i media tranquillizzano i cittadini e Bersani gioca a fare il Premier (come scrivevo qui L’Italia si sta schiantando..E Bersani cosa fa? Ridatemi le convergenze parallele!)

Avremmo bisogno di statisti che sapessero:

a) prefigurare un piano b di uscita ordinata dall’euro;

o

b) rinegoziare la nostra appartenenza all’ euro-pa, facendo fronte comune con gli altri piigs e con la Francia.

Invece siamo in mano a questi signori.

bersani-monti-berlusconi

 

Se vi manca ancora un tassello, leggete quanto scritto da Die Welt e riportato da L’Indipendenza:

Archiviata la pratica Cipro, ora per l’Eurozona il pericolo maggiore arriva dall’Italia: lo sostiene Die Welt, in un articolo in cui afferma che “la piccola Cipro e’ stata salvata, ma il rischio maggiore e’ altrove: la malandata Italia non ha un governo”. Il quotidiano tedesco scrive che dopo il risultato delle recenti elezioni “la politica italiana e’ paralizzata”, mentre “il mercato dei capitali e’ in allarme e teme a Roma un’incertezza politica che potrebbe mettere a rischio l’intera Eurozona”. La Welt aggiunge che “piu’ a lungo dura il tiro alla fune, piu’ minacciosa diventa la situazione per l’economia reale italiana”. Citando il debito di 70 miliardi delle amministrazioni pubbliche nei confronti delle imprese, il giornale tedesco scrive che in Italia “un’azienda deve attendere in media 180 giorni prima di vedere un quattrino, mentre in Germania si aspettano solo 35 giorni”.

Avete capito o no cosa vogliono fare questi figli di Trojka?

Se succederà, comunque, la colpa sarà solo nostra.

 

 

Posted in: #HomoOeconomicus