#18 COSA STA ACCADENDO IN GRECIA? La Disoccupazione è in aumento, gli alunni rovistano nei rifiuti alla ricerca di cibo, tornano vecchi fantasmi del passato

Posted on aprile 11, 2013 di


Quando una foto è più eloquente di mille parole…

L’immagine scattata mostra un giovane  intento a rovistare in un bidone della spazzatura a Heraklion (Creta) alla ricerca di cibo.

Dovrebbe trattarsi di uno studente di una scuola.

Infatti, il presidente della Associazione degli Insegnanti di Heraklion, nel corso di un incontro con il consiglio comunale, ha riferito al riguardo: “L’episodio non è isolato…molti genitori confessano agli insegnanti le difficoltà economiche in cui vivono e spesso non sono in grado di offrire ai propri figli neanche un pasto.”

Gli insegnanti di Heraklion hanno rilevato che un numero crescente di bambini della scuola sono malnutriti e ha chiesto ai Comuni di intervenire, anche perchè molti genitori si vergognano a chiedere aiuto.

Con il collasso economico e gli studenti malnutriti nelle scuole cretesi, “la necessità di mense nelle scuole è fondamentale”, ha sottolineato l’associazione degli insegnanti.

Ma le notizie negative non finiscono qui.

Secondo i dati rilasciati oggi:

Il tasso di disoccupazione in Grecia ha toccato il nuovo livello record del 27,2% a gennaio, in pratica ha triplicato da quando la crisi economica, nel 2009, ha cominciato a farsi sentire per il paese. Non solo, ma e’ piu’ di due volte il tasso medio di disoccupazione nell’Eurozona, pari al 12%. A dicembre, il tasso si era fermato al 25,7%.
 Ancora piu’ drammatico lo scenario, se si guarda al tasso di disoccupazione giovanile, ossia tra i 15 e i 24 anni, che ha raggiunto il 59,3% a gennaio, mentre a gennaio 2012 era del 51%. Nel suo sesto anno di recessione, l’economia greca sembra cosi’ ben lontana dall’uscita dal tunnel: quest’anno il Pil dovrebbe segnare un nuovo, significativo, calo attorno al 4,5% .

Ormai la Grecia è diventato un “laboratorio”, dove si fanno veri e propri esperimenti.

Ed i greci sarebbero le cavie.

Non sto scherzando.

Ecco cosa riporta l’agenzia France-Presse:

Studenti di tutto il mondo si radunano ad Atene questa primavera per dedicarsi a studi sul campo organizzati dalle rispettive università, a New York e Parigi. Stanno portando avanti un’osservazione in situ della crisi economica greca, un Paese che è diventato caso di studio per l’economia, le scienze politiche e il giornalismo.

Mi immagino che belle tesi ci scriveranno…

Mi domando, davvero, dove vogliamo arrivare?

E’ questa l’Europa che abbiamo costruito?

Tutto questo mentre in Grecia una commissione, istituita l’anno scorso dal governo, ha calcolato l’ammontare dei risarcimenti che la Germania dovrebbe ancora alla Grecia per i danni subiti durante l’occupazione nazista e il prestito forzoso imposto ad Atene durante la Seconda guerra mondiale.

La notizia è apparsa come una bomba sul quotidiano greco “TO BHMA” con il titolo “La Germania è in debito con la Grecia”, subito ripresa dal tedesco “Der Spiegel”, che cita il “rapporto segreto di Atene”.

Si parla di 162 miliardi di euro di risarcimento, circa l’80 per cento delll’attuale PIL ellenico.

Ulteriore benzina sul fuoco per un paese impoverito ed umiliato, pronto ad esplodere da un momento all’altro.

 

 
Posted in: #HomoOeconomicus