Considerazioni sull’Imu

Posted on agosto 29, 2013 di


Il sottoscritto non ha mai ritenuto l’imu uno dei principali problemi del paese e non si è mai iscritto al partito dell’abolizione o del mantenimento di questa tassa.

Ho sempre ritenuto che perdere mesi e mesi a discutere di una cosa che vale 4 miseri miliarducoli su un pil di 1600 mld e 800 mld di spesa pubblica sia, lettetralmente, una RIPRESA PER IL CULO.

Se uno Stato non trova queste minime risorse, vuol dire che è fallito.

Punto.

Anche perchè, intanto, dinanzi ad una crisi economico-sociale spaventosa, non si fanno riforme, ma si trovano i soldi per Mps o per assumere altri dipendenti pubblici (probabilmente inutili) o per pagare gli F35, etc, etc

Comunque, per quello che conta l’operazione sull’Imu (cioè, poco), considerando la pressione fiscale complessiva ed abnorme italiana e la difficoltà del mercato immobiliare, mi ero anche convinto della bontà della sua eliminazione.

Il problema, come al solito in Italia, sono le MODALITA’ con cui si fanno le cose e la REALTA’ che si nasconde dietro le sparate politiche, riportate spesso servilmente da quasi tutta la stampa nazionale.

Facciamo il punto ed un po’ di chiarezza.

1) L’Imu non sarà abolita, ma sostituita con la TASER.

Singolare la scelta del nome e rivelatrice forse delle reali intenzioni dei nostri politici.

La Taser, infatti, è una pistola elettrica utilizzata da molti agenti in diversi paesi…

L’Imu, dunque, cambierà solo nome.

Ma c’è di più.

Dai primi calcoli fatti, dietro l’ inglesismo “service tax”, pare si celi una gran mazzata per gli italiani (che se la meritano, sia chiaro, per la loro dabbenaggine).

In pratica, pagheremo molto più con la Taser.

2) Per le imprese, quest’anno, non c’è trippa: capannoni, i laboratori, i negozi, le botteghe per quest’anno rimangono equiparati alle abitazioni di lusso e continueranno a pagare fino all’ultimo euro.

Pare che ci sarà, però, l’esenzione per le case invendute. Manovra da 3 mld 
Nel decreto sull’Imu, annuncia il ministro del Tesoro Fabrizio Saccomanni, si prevedono anche l’esenzione dal pagamento per le case invendute e la diminuzione dal 19% al 15% della cedolare secca sugli affitti a canone concordato. Per quanto riguarda la spesa, con questo decreto «rimangono invariati i saldi netti all’interno del limite del 3%», sottolinea Saccomanni. «Viene rispettato l’impegno assunto a livello comunitario di mantenere i saldi netti all’interno del 3%. Complessivamente conclude – la manovra vale 3 miliardi».

In sintesi: chi produce beni continua ad essere mazzulato, mentre i palazzinari (e le banche che hanno loro concesso credito) saranno esentati dal pagamento della tassa sulle case invendute.

3) A differenza dell’imu, la Taser verrà pagata non solo dai proprietari, ma anche da coloro che sono in affitto.

Altra mazzata per i più poveri ed i giovani.

4) In realtà, solo il pagamento della rata di Settembre è stato eliminato. Per la rata di Dicembre c’e’ l’impegno politico ad eliminarlo formalmente nel CDM di ottobre (quindi la cosa non e’ ancora in vigore).

Tutta questa pagliacciata mentre alla cassa integrazione vengono dati 500 miseri ml senza dire quale sarà la copertura e solo 700 ml agli esodati (anche in tal caso non ci è dato di apere dove prenderanno i soldi)

Infatti l’Ue avverte: “L’Italia copra il gettito perso”  e gli inquilini/sindacati attaccano:”Stangata da 1.000 euro, sfratti a valanga”.

Le reazioni alle mosse dell’esecutivo. Il commissario Ue, Olli Rehn, sta analizzando la decisione: “Aspettiamo le coperture, essenziale garantire stabilità” dei conti pubblici. Monti attacca: “Letta non sia smidollato”. Critica la Cisl: “E’ una partita di giro”

Ottimo che saranno dati 10 mld alle imprese, ma, non si dice che questa cosa la si farà aumentando il debito pubblico…

Risultati:

a) l’abolizione dell’imu è falsa ed è l’ennesima presa per il culo;

b) la nuova tassa potrebbe colpire molto più pesantemente gli italioti e, certamente, colpirà i più poveri e/o coloro che sono in affitto;

c) non ci sono vere coperture per molte azioni previste e, dunque, senza provvedimenti strutturali nel 2014 saremo punto e a capo (anzi: col pil che viaggia verso il -2%, il deficit sarà superiore al 3% e dunque le nuove tasse saranno presumibilmente maggiori dell’imu)

E Fassina, candidamente, oggi dice:” Nella service tax ci sarà una componente patrimoniale come è attualmente per l’imposta municipale. E il nuovo prelievo potrebbe essere anticipato al 2013 per coprire la cancellazione della seconda rata”.

Ecco perchè l’imu è, mi devo ripetere, la solita presa per il culo di tutti noi italiani.

Ma i miei concittadini, SE LO MERITANO.

Guardate questo video di Alfano.

Mi domando: c’è qualche italiota che puo’ votare o apprezzare AlfANO?

Su Berlusconi si possono avere idee contrstanti, ma nessuno (in buona fede) puo’ negarne la capacità, la furbizia, l’intelligenza.

Vi prego, guardate questo video…

Ragazzi, qui siamo alle C-O-M-I-C-H-E o, se preferite, alla farsa-tragedia.

RIFLESSI POLITICI:

Un Cavaliere che meno di un anno fa era finito è riuscito nell’ennesima impresa.

I miei sinceri ed ammirati complimenti.

Non solo ha contenuto i danni alle elezioni di febbraio, ma è tornato centrale nella vita politica italiana.

E’ stato il primo a proporre le larghe intese (e le ha ottenute)

Voleva la rielezione di Bella Napoli e ci è riuscito.

Ha fatto campagna elettorale sull’imu e il primo serio provvedimento che ha attuato il governino di Letta Enrico è stata la (finta) abolizione dell’Imu.

E’ stato condannato in via definitiva, ma Napolitano ed il Pd stanno cercando in tutti i modi di salvarlo ancora una volta.

Berlusconi è un genio, l’ho detto mille volte.

L’altro giorno tutti a sparare sul crollo di mediaset in borsa.

Ma si sa, soprattutto a sinistra di economia non capiscono un cacchio (e non solo di economia)

Mediaset oggi fa +5% e in pochi mesi ha fatto il 100%!

E si noti il leggerissimo balzo dopo l’insediamento del governo del nipote dell’amico Gianni Letta.

mediaset-performance-annua

E, come scrivevo nel post  Italia: sperare nel meglio, prepararsi al peggio…, egli puo’ “ricattare” semplicemente perchè ci sono “ricattabili”.

Ficcatevelo nella testa, miei “zucconi” di sinistra.

La “finta” abolizione dell’Imu è un suo successo e questo va riconosciuto.

Non a caso ieri sui social (e non solo) tutto il Pdl salutava questo provvedimento con eccitazione smisurata.

Berlusconi: Sull’ Imu mantenuta la parola data agli elettori

La nota del Presidente

“Promesso. Realizzato. Sull’Imu sulla prima casa e sui terreni e fabbricati funzionali alle attività agricole abbiamo mantenuto gli impegni.

E l’etica in politica é mantenere la parola data. In campagna elettorale ci eravamo impegnati a eliminare l’Imu. Non era un impegno tra i tanti, ma un punto cardinale, pratico e simbolico, del programma..”

Ed infatti…

Mi fanno ridere giornalisti come Giannini di Repubblica che parlano “di vittoria di Pirro”.

O non capiscono una beata cippa di politica e di comunicazione o sono in malafede.

Penso che per Giannini valgano entrambe le cose.

E’ una vittoria politica e di comunicazione immensa, altro che balle e va riconosciuta come tale.

Non si andrà ad elezioni, probabilmente, ma, come scrivevo ieri su twitter:”se mai si andasse alle elezioni Berlusconi ha già mezza campagna elettorale fatta”.

Del resto il Cav. ha già iniziato la sua campagna di comunicazione permanente, ma il Pd non lo sa.

Il PD continua a suicidarsi politicamente per salvare il Banana ed è riuscita far incacchiare persino i “silenti” sindacati..

Nessuno ovviamente  ricorderà al Cavaliere questo manifesto e le promesse elettorali di febbraio.

E non potrà farlo certamente questo misero Pd.

Posted in: #NuovaResistenza