The Economist: metà paesi a rischio rivolte sociali nel 2014

Posted on dicembre 25, 2013 di


download (1)

 

The Economist ha misurato la possibilità che nel 2014 scoppino proteste sociali in 150 diversi paesi al mondo (vedi tabella sotto). Il risultato è impressionante.

In ben 65 Stati (il 43%) il rischio l’anno prossimo è alto o molto alto. L’analisi dell’Economist Intelligence Unit (EIU) mette una certa enfasi nella fragilità istituzionale e politica.

Rispetto a cinque anni fa nel 2014 ben 19 nazioni in più sono nella categoria ad alto rischio.

Guardando alle singole regioni, le più vulnerabili saranno Medioriente, Nordafrica, Balcani e Europa mediterranea.

In Italia il rischio è considerato “medio”. In Europa molto dipenderà dall’esito delle prossime elezioni parlamentari e dall’intensità della ripresa economica.

Ucraina, Bulgaria, Brasile, Argentina, Messico, Tunisia, Egitto e Turchia sono tutti Paesi dove sono esplose proteste quest’anno.

Anche paesi tradizionalmente calmi, come l’Italia, Singapore e il Giappone hanno visto le proprie strade prese d’assalto da manifestanti anti governativi e diventare teatro di violenze.

Il motivo ricorrente: le iniquità sociali e lo scontento nei confronti di una politica corrotta e con non rappresenta più i cittadini.

Inoltre nell’epoca degli smartphone e dei social media, i cortei e le altre manifestazioni di protesta possono essere organizzati e coordinati con estrema facilità. 

Secondo Laza Kekic dell’EIU, la crisi economica è un prerequistio quasi obbligatorio perché le proteste scoppino, ma non racconta tutta la storia e non è l’unico motivo che porta il disagio sociale a sfociare in atti violenti di protesta.

in-ben-65-stati-sui-150 pericolo-medio

fonte: http://www.wallstreetitalia.com