Un lavoratore smaschera Renzi e risponde al giornalista sugli 80 euri (video)

Posted on maggio 10, 2014 di


La vergogna di un Premier che mente e di una stampa tutta protesa a tirargli la volata.
Questa è una delle ragioni che mi spinge a scrivere e mi fa essere tanto anti-renziano.
Un sistema di informazione libero e plurale dovrebbe anzitutto criticare chi governa, non attaccare sempre le opposizioni, sminuirne il ruolo, ridicolizzarne gli esponenti.
Gli 80 euro…
La sola cosa che, abilmente (e forse anche incostituzionalmente) è riuscito a produrre Renzi in mesi di parole e di NULLA.

Guardate come un lavoratore risponde all’ennesimo invito dei giornalisti italiani a magnificare sulle prossime spese che finalmente si potranno fare con questi cazzo (non mitici) 80 miseri euro.
Non si parla di altro…
Ogni giornalista pronto a chiedere:"cosa farà con questi 80 euro"?
Ma nessuno parla delle tasse aumentate per coprire questa misura.
Nessuno ricorda che moltissimi non li prenderanno.
Nessuno evidenzia che i più poveri e disgraziati saranno esclusi dalla mancetta del Premier.
Nessuno dice che con il quoziente familiare "alla francese" sarebbe il vero choc fiscale in Italia!
Nessuno ricorda più i suicidi che ogni giorno si verificano nel nostro paese.

Il 25 maggio, riempite le urne con la rabbia di chi non sopporta più questo Governo con le sue politiche distruttive, questo Premier bugiardo, queste caste che stanno rubando il vostro futuro, questa informazione vergognosa.
Questo 25 maggio provate a votare per concedervi la possibilità di una speranza.
E’ forse l’ultimo treno che passa.
Poi non vi lamentate mai più.

Posted in: #NuovaResistenza