Il cedolino di Matteo Renzi è falso?

Posted on maggio 12, 2014 di


Lo avrete visto tutti…
Il "mitico" cedolino di Renzi a’ menzogna..
Questa sarebbe la prova inconfutabile della mancetta renziana, al netto dei dubbi dei tecnici del Senato sulle coperture, insultati da renzi, per il solo fatto di aver svolto il loro mestiere…

renzicedolino.jpg?uuid=ffa9dbd2-d7ae-11e3-9db1-f4e7de01d15e

Ora: posto che io credo che la mancetta arriverà, qualcuno si è messo a fare le pulci al Premier (sarà il solito gufo, rosicone, sciacallo…)

e ha scoperto che…

Matteo Renzi pubblica sui social network la foto che, a suo dire, dimostrerebbe che gli 80 euro promessi sono veri e che le coperture finanziarie esistono. "Il cedolino di Renzi è moscio: non funziona come prova" scrive Annalisa Rossi su newspedia.it, cerchiamo di capire perché.

La prima è una questione temporale, scrive la giornalista:

ma se siamo al 9 del mese, come fanno ad avere già il cedolino della busta paga di tutto il mese di maggio, visto che mancano ancora 22 giorni alla fine del mese?

Poi ci sono dei dati che non quadrano:

Innanzitutto il cedolino è sprovvisto di dati; si dirà che è per la privacy e potrei quasi dare ragione, ma a quel punto si potrebbero cancellare i dati sensibili in mille modi diversi dimostrando che ci sono, però, quei dati. Invece è un foglio di carta intestata del Ministero delle Finanze ma in bianco.

Oltre a questo, manca anche la data. Scrive Annalisa Rossi:

E’ sprovvisto non solo di dati, ma anche di data; questo rafforza il mio pensiero che un cedolino del genere, che dovrebbe dimostrare l’effettivo importo degli 80€ a fine mese, non può esserci già da ora. Poi ho pensato che forse per i dipendenti del ministero potrebbe funzionare in modo diverso rispetto ai privati, ma questa ipotesi è comunque crollata quando, guardando il calendario, ho realizzato che dipendenti pubblici o privati che siano hanno ancora 22 giorni di lavoro davanti a loro con la possibilità di giorni di ferie, giorni di malattia, permessi ed altro che andrebbero contabilizzati in una busta paga (e magari chi ha la fortuna di averne una potrà rendersene conto da solo).

Ma le stranezze non finiscono qui:

Altra piccola stranezza è la qualità della foto, scarsissima. Impossibile leggere qualsiasi dato zoomandola.

Ed ecco le conclusioni finali:

Chi è, pubblico o privato, che pagherebbe mai lo stipendio in anticipo ad un lavoratore? Se, come da più parti si sente dire, questo è solo una SIMULAZIONE allora la si smetta di farla passare come REALTA’ e se 140 caratteri sono pochi allora si eviti di utilizzare twitter e si dicano le cose con mezzi più appropriati, tipo un comunicato stampa, in modo da indottrinare meno persone o illuderle per la campagna elettorale di aver fatto davvero qualcosa.

Pubblicazione di Matteo Renzi.

fonte: http://www.tzetze.it/

Posted in: #NuovaResistenza