La rovina della Grecia in un fotoracconto

Posted on Mag 17, 2014 di


20140128-pilos-mw21-002-910_2

Cosa resta della Grecia dopo anni di crisi economica?

Parla un fotografo e le immagini, spesso, sono più eloquenti di ogni parola.

Ricordatevi quello che vi ho sempre scritto.

L’Italia non è la Grecia, certo.

Ma la Grecia è la nostra macchina del tempo…

La Grecia è lo specchio dell’Italia che verrà…

E purtroppo, le politiche di Monti-Letta-Renzi e della Trojka sono le stesse applicate da Papademos e Samaras ai nostri amici ateniesi…

Ecco cosa rimane della Grecia, che Monti definiva “il più grande successo dell’euro”…

Delinquenti!

20140128-pilos-mw21-009-910_1

La Grecia in rovina in un fotoracconto. Un’idea del reporter Nikos Pilos, in collaborazione con l’Open Society Foundation, che racconta il vero impatto della crisi economica per il progetto Moving Walls 21. Il motivo, spiega lo stesso fotografo, quello di mostrare il desolante impatto della disoccupazione al 30% e cogliere, con scatti freddi ed oggettivi, il vero significato della parola “recessione”. Non semplicemente povertà, ma totale assenza di produzione, spiega Nikos. Ossia, stagnazione e completa assenza di futuro. Che smantella una nazione pezzo per pezzo, rendendola uno spettro di se stessa, monito per le altre. Mostra una realtà che conosce bene, Nikos. “Diciamo che il 99% dei miei amici è disoccupato. Così la mia famiglia. Preparo minestre ai miei cari, perché sono l’unico che lavora” – dice con un sorriso che diventa presto amaro. Deciso a mostrare quello che resta della Tracia, cuore dell’economia industriale ellenica per più di 30 anni, dove oggi, dopo 7 anni di recessione, è tutto distrutto. Delle 400 imprese attive nella regione, infatti, ne sono sopravvissute 10.  Restano scheletri, palazzi smembrati. “Rubano le finestre degli edifici. È la sola cosa che può davvero descrivere la crisi finanziaria. Gli esperti dicono che ci vorranno 40 anni perché il Paese si riprenda”. Ed è proprio questo che lo ha spinto a fotografare e diffondere il suo messaggio. “Non spegnete i riflettori sulla Grecia, perché quanto è accaduto è solo una dimostrazione del pericolo che corrono le altre economie europee”.

 

fonte: http://www.west-info.eu/

 

 

 

Posted in: #NuovaResistenza