Parbleu! Francia nella tempesta: buco da oltre 14 miliardi nei conti pubblici

Posted on maggio 28, 2014 di


10272.jpg

E sticazzi!

Attenzione che, come vi dico da mesi, la Francia non è l’Italia.

Non sarà il paradiso in terra, ma non hanno tv con Vespa, Giletti o Barbara D’ Urso e giornalisti come i nostri.

E da quelle parti, quando s’incazzano, qualcosa succede.

Fate una preghiera a Santo Draghi, perchè qui si mette male..

13 miliardi non sono pochi.

E con Hollande e il Ps ai minimi termini (ma non se la passa bene neppure l’ump), altro vento in poppa per il Fn.

Continuiamo ad ammazzarci di tasse, eh?

400px-Logo_de_la_R%C3%A9publique_fran%C3%A7aise.svg.png

Dopo la batosta elettorale il governo francese riceve un’altra tegola in testa, stavolta sul bilancio dopo che la Corte dei Conti ha puntato il dito su un buco da oltre 14 miliardi di euro sui conti del 2013. In un rapporto pubblicato oggi la magistratura contabile transalpina ha messo in rilievo la voragine che si è creata tra l’aumento di gettito fiscale previsto dall’esecutivo, pari a circa 30 miliardi di euro, e quello effettivamente incassato che è risultato pari a poco più della metà del previsto: solo 15,6 miliardi.

La Corte dei Conti quindi solleva dubbi sulla “sincerità” dei piani di bilancio, spiegando che questa marcata divergenza è imputabile sì a una crescita economica più debole del previsto ma anche a i metodi di calcolo scelti dal governo che fa capo al presidente Francois Hollande.

Intanto un ente indipendente di vigilanza ha invitato il governo a correggere la dinamica del deficit strutturale di bilancio, che supera le attese. Il tutto ha spinto il portavoce del governo, Stéphane Le Foll ad assicurare che il mancato gettito 2013 non comprometterà i tagli di tasse annunciati dal premier manuel valls sul 2014. (con fonte Afp)

Questa è una notizia dell’agenzia TMNews.

Posted in: #NuovaResistenza