La Grecia torna al Medio Evo: 2/3 degli stipendi pagati in baratto

Posted on giugno 19, 2014 di


Vi ricordate i miei 30-40 post sulla Grecia, vero?Vi ricordate che qualche cialtrone del Corriere delle Sera e persino del Sole 24 Ore parlò di esagerazioni o di "bufale"? (fu Mentana con un suo servizio a darmi ragione)
Ecco, siamo arrivati qui…
Paese distrutto, impoverimento dei cittadini, economia a pezzi, suicidi, crollo dei consumi, disoccupazione alle stelle, servizi tagliati in modo disumano, etc, etc
Leggete con attenzione i dati di una ricerca della Gsee (sindacati ellenici).
Siamo tornati al medioevo.
L’Italia non è la Grecia, ma forse vi è sfuggito che le politiche imposte sono le stesse (ed i risultati assai simili)
Per questo sorrido quando sento un 60enne (tutelato) o un pensionato (tutelato) dire:"i giovani non hanno voglia di lavorare..si inizia, anche con 500 euro al mese..ci si tira su le maniche…"
Ecco, attenzione: ieri erano 1000 euro, oggi 500, domani?
In Grecia siamo arrivati a salari da 200 euro, a prendere meno di 2 euro per ora lavorata.
Spesso i pagamenti (in nero) arrivano con mesi di ritardo…
In taluni casi siamo proprio al baratto e in latri si lavora in cambio di vitto e alloggio.
Non lo so…
Non ho parole, signori..
Non è questa l’Europa che sognavo quando avevo 18 anni e facevo i miei interRail con @ilnorbig
Ah, sapevatelo: Renzi chiederà in cambio dell’appoggio a Juncker qualche piccola concessione ad Angelona.
Ma non cambierà verso per nulla.
Abbiate fede.
-:)
Siatene consapevoli e preparatevi.

La Grecia torna al Medio Evo: 2/3 degli stipendi pagati in baratto

“Vi ricordate la servitù e i contadini nei bei tempi passati del feudalesimo medioevale? Se la risposta è no, ho delle buone notizie per voi! E’ consuetudine nel mondo del lavoro in Grecia oggi ottenere la paga in beni, il baratto, invece che in salari. Rivive il feudalesimo nella Grecia della moderna Unione Europea e della zona euro”. Con questa premessa in uno dei suoi ultimi post, il blog greco KTG riporta un’inchiesta condotta dall’Istituto del lavoro della Confederazione dei sindacati (GSEE), definendola scioccante ma non così inattesa se si considera che per le leggi dell’austerità, della depressione indotta e della competitività, le condizioni di lavoro e di salario hanno reso i cittadini greci degli schiavi moderni.

Ecco alcuni dati dell’inchiesta, così come riportata da KTG:

i lavoratori ricevono stipendi con ritardi dai 3 ai 12 mesi

i lavoratori ricevono un terzo dei loro salari, il resto è pagato attraverso servizi come ad esempio la possibilità di dormire in un albergo, buoni pasto e coupon per acquisti di altri beni al supermercato.

I datori di lavoro non pagano tredicesima e quattordicesima come obbligati per legge, ma in cambio offrono couppon per cibo e benzina. Costringono poi i lavoratori a firmare per il fatto che hano ricevuto l’intero bonus. GSEE stima che oltre un milione di lavoratori non ha ricevuto tredicesima e quattordicesima.

I giovani lavoratori sotto i 25 anno anni sono assunti con contratti mensili per lavoro part-time di 4 ore al giorno e salari di 180 euro al mese. Con 25 giorni lavorativi si tratta di uno stipendio di 7,2 euro al giorno e più o meno 1.72 euro l’ora! KTG ricorda l’indignazione della prima "riforma del lavoro" nel 2011 che aveva tagliato drasticamente i salari fino a paghe da 3 euro l’ora. Ma ora si è passati alla rassegnazione e non ci si indigna neanche più…

Secondo il diritto del lavoro, il salario minimo per coloro che hanno meno di 25 anni dovrebbe essere di 480 euro per un lavoro full-time. Ma a chi interressa le leggi quando la domanda del lavoro è straordinaria, il tasso di disoccupazione enorme e la liquidità in circolazione è scarsa perché le banche stanno risparmiando?

I lavoratori greci, prosegue Ktg, saranno presto abilitati a pagare le loro bollette e il loro affitto in coupon per detergenti o buoni pasto. E’ strano come nel 2011 e 2012 i greci hanno fatto un tuffo nel passato ad i tempi di Chrles Dickens, mentre nel 2013 e 2014 si è arrivati fino al Medio Evo. "Posso immaginare che in un paio di anni, la Troika si lamenterà della mancanza di abilità del mondo nel lavoro e di fondi sociali assicurativi vuoti nella competitiva Grecia", conclude Ktg.

fonte: http://www.lantidiplomatico.it

Posted in: #NuovaResistenza