Mondiale, ecco la risposta (col dito medio) di Maradona a Grondona

Posted on giugno 22, 2014 di


Pazzesco che un uomo come Grondona insulti chi ha reso grande una Nazione (calcistica) facendo sognare un intero popolo, il più grande giocatore di calcio di tutti i tempi.

Come scrivevo tempo fa

Ho sempre detto che Messi non ha niente a che vedere con Maradona.

Messi è un grandissimo giocatore, uno dei più forti di tutti i tempi, ma Maradona era un genio, un leader, un vero artista.

Non era “solo” un giocatore.

Genio e sregolatezza.

Diego era un trascinatore, aveva (ed ha) carisma nel suo anticonformismo e nei suoi eccessi; Lionel sarà sempre un giocatore decisivo, ma, con la sua faccia “da bravo ragazzo” non vincerà mai un mondiale di calcio.

Una pulce contro la mano de dios…

El pibe de oro era l’Argentina e la Naciòn era Diego.

Maradona ha incarnato il riscatto sociale di due popoli: quello argentino e quello napoletano.

Messi colleziona palloni d’oro, ma non riesce a suscitare lo stesso entusiasmo.

Maradona ha vissuto la sua infanzia nella povertà più assoluta ed ha sempre saputo impersonare i valori del suo popolo; Lionel è “argentino” nel passaporto, ma è quasi un corpo estraneo al suo popolo, tanto è vero che quando esce dal contesto catalano sembra quasi “normale”.

Non a caso cantanti, artisti e registi si sono ispirati a Diego, mentre trascurano Lionel.

Stiamo parlando di due fenomeni, sia chiaro.

Ma il calcio è anche altro: è passione, poesia, genio, riscatto sociale.

fonte:ilfattoquotidiano.it

Maradona? Se n’è andato e Messi ha fatto gol”. Tradotto: El Pibe de oro porta sfiga. Firmato Julio Grondona, il presidente della Federazione argentina di calcio. Dichiarazione che non lascia indifferente Maradona che, in diretta tv, gli mostra il dito medio definendolo “un povero stupido”

Posted in: #NuovaResistenza