Grecia: tossicodipendenti senzatetto raddoppiati con crisi

Posted on giugno 23, 2014 di


crack.png

Un paese sempre più allo stremo…

Un paese che è "lo specchio dell’Italia che verrà", come ripeto da anni..

Un paese col debito al 180% e la disoccupazione al 27%…

Un paese in (s)vendita, non più solo ad europei e russi, ma anche a cinesi e, udite udite, ad azeri…

Un paese tornato al baratto, al medioevo..

Non fatevi illusioni, cari italioti…

Renzi è come Samaras e l’Italia non sarà al Grecia ma ha gli tessi numeri della Grecia di 2 anni fa…

Ecco un altro "buco greco", non peggio di quello dei conti pubblici..

Cose che vi avevo già scritto, ad esempio qui.

Una crisi economica che è diventata giorno dopo giorno tragedia sociale ed umana.

Anche loro votarono Samaras, come "ultima spiaggia", come voi avete fatto con Renzi…

Il numero di tossicodipendenti che vivono per le strade della capitale greca è raddoppiato dall’inizio della crisi economica del Paese. E’ quanto risulta, come riferiscono i giornali greci, da una ricerca del Centro di terapia per persone non autosufficienti (Kethea). Tra i tossicodipendenti avvicinati dai membri del team di Kethea, il 44,4% ha detto di non avere una casa, rispetto al 35,2% dello scorso anno e al 24,5% nel 2010. Anche lo standard di vita dei senzatetto è peggiorato, con quattro tossicodipendenti su 10 che hanno riferito che nelle loro case manca l’elettricità e l’acqua corrente. Sei su 10 degli intervistati hanno detto di non avere un reddito regolare, mentre sei su 10 dei tossicodipendenti di sesso femminile hanno ammesso di prostituirsi sia per finanziare il consumo di droga sia per sbarcare il lunario. Praticamente tutti i tossicodipendenti intervistati da Kethea hanno detto di avere problemi di salute e un limitato o nessun accesso ai servizi sanitari pubblici. Quattro su 10 hanno detto di essere privi dell’assicurazione sanitaria, uno su 10 ha affermato di essere HIV positivo mentre tre su 10 soffrono di epatite. Gli esperti temono che la percentuale di tossicodipendenti affetti da queste e altre malattie sia molto più alta di quella emersa dalla ricerca del Kethea indicata dal momento che molti di essi non si sono sottoposti a test medici in tempi recenti o addirittura mai.

fonte: ANSAmed

Posted in: #NuovaResistenza