Moriremo di tasse..Sigarette: da ottobre un euro in più a pacchetto

Posted on giugno 23, 2014 di


Per la serie: "moriremo di tasse"…

Non bastavano queste, come scrivevo oggi:

Oggi sentivo che Abe vuol portare la tassazione sulle imprese sotto il 30%.

Da noi, invece, il programma è sempre lo stesso: tasse, tasse, tasse.

Tasse sui risparmi (persino retroattive), tassa sui viaggi (passaporto), nuovo aumento delle accise(piazzato, ironia della sorte nel "taglia bollette"), tasse su tablet e smartphone, etc, etc

Avete capito per miseri 80 euri, in stile greco, cosa sta avvenendo?

Del resto Renzi e Samaras sono molto simili…

E l’Italia ha già imboccato da tempo la stessa strada dei cugini greci…

Ma soprattutto, sono in arrivo altre bombe nucleari:

Tasi che puo’ aumentare fino a 60% rispetto al 2013;

Catasto, riforma al via: nuovi rincari in vista

E, infine, la tassa di successione, che distruggerà, definitivamente, ciò che resta del ceto medio.

Sarà un macello, l’olocausto del risparmio, per la gioia dell’italiota e delle sue chiappe che godrà della nuova povertà di milioni di italiani, senza aver risolto una cippa della propria…

Tutto questo verrà venduto come "redistribuzione", come "equità sociale" e tante altre bellissime cazzate.

No, signori.

Adesso anche le sigarette.

1 euro a pacchetto, equivale al 20% in più in un solo colpo.

Se fumi solo un paio di pacchetti a settimana sono 50 euro all’anno circa.

E sentite cosa dice Padoan:

Fisco: Padoan, le tasse non aumenteranno

Ma non dovevano diminuire?!!

Dinanzi all’evidenza che le tasse SONO AUMENTATE ED AUMENTERANNO si decide di abbassare il livello di propaganda.

Non più "meno tasse", ma "non alzeremo le tasse"…

Lo so, non è politicamente corretto, ma lo dico lo stesso: chi ha votato questi signori è da me considerato un italiota.

uomo.jpg?w=267&h=270

E sapete la geniale motivazione delle nuove accise?

Gli italiani fumano di meno!!

Ma cazzo!

Avete mai letto il signor Laffer?

Usano anche meno l’auto (perchè non possono più permettersela) e, infatti, si aumentano le accise sui carburanti.

Risultato?

Le entrate diminuiscono!

Oltre una certa soglia di tassazione, le entrate non possono aumentare.

I cittadini non consumano, hanno perso il lavoro, risparmiano…

E’ così difficile da capire?

E non venite a dire la solita puttana del "se tutti pagassero le tasse…"

Se tutti le pagassero, l’Italia sarebbe già morta, perchè lo Stato butterebbe altri soldi in clientele-consorterie-sprechi…

E parlo di quello Stato esso stesso evasore, che condona miliardi alle banche e alle slot machines!

fonte: http://www.blitzquotidiano.it/

Un euro in più a pacchetto, più care anche le sigarette elettroniche. Sono gli aumenti in vista per ottobre, quando scatterà l’aumento delle accise sul tabacco, aumento in programma, sia che il governo si decida, o meno, a varare il decreto che riordina l’assetto fiscale sui tabacchi.

Il fatto è che gli italiani per la prima volta fumano meno: le sigarette sono sempre più care, quelle elettroniche, dopo il boom di due anni fa, sembrano sempre più un fenomeno transitorio, con la conseguenza che si compra meno e quindi lo Stato incassa meno. Nel 2013 nelle casse pubbliche sono andati persi 670 milioni dalle sigarette, mancato incasso in termini di minor gettito dovuto proprio alla contrazione del mercato.

Il governo sta quindi lavorando per aumentare l’accisa per le sigarette ed estenderla anche a quelle elettroniche. Ma che il decreto arrivi o no, per ottobre è previsto un aumento automatico: un euro in più a pacchetto, per effetto dell’adeguamento trimestrale di uno dei parametri di calcolo delle accise, la classe di prezzo più venduta.

Posted in: #NuovaResistenza