Caro Sting… su #noheritage arrivi tardi

Posted on giugno 24, 2014 di


20121011122509!L'eredità

Ha suscitato qualche attenzione la recente dichiarazione di Sting: “Ai miei figli non lascio niente,  se li devono guadagnare lavorando i loro soldi.”

Ora, intendiamoci bene, al di là della provocazione, la tesi del buon Sting una qualche bontà ce l’ha:

– restituisce centralità al lavoro come produttore di ricchezza

propone una propria versione, per quanto un po’ self made, di ridistribuzione delle risorse

– per un Paese come l’Italia (ancorata al patrimonio di stampo lampedusiano-latifondista e in cui, sostanzialmente, le famiglie ricche sono rimaste le stesse dal fascismo ad oggi) sarebbe una vera rivoluzione

Quello che però mi sento di dire a Sting oggi è: tranquillo, ci hanno già pensato, e su scala mondiale.

Non solo infatti siamo

#youngandjobless

adesso stiamo diventando anche

#youngandhomeless

 

Come dire, Sting è stato ampiamente superato a sinistra!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Posted in: #postwelfare