Benvenuti in Grecia,ops..in Italia:schiavi dei call center a 350 euro al mese

Posted on luglio 3, 2014 di


1395257848927

Cosa vi ho scritto centinaia di volte?

"L’Italia non è la Grecia", si dice, ok..

Ma io ho sempre risposto che la "Grecia è lo specchio dell’Italia che verrà", se non si inverte la rotta (e non si è invertita per nulla, altro che #cambioverso…)

Si vedano solo gli ultimi post: Renzi come Samaras, l’Italia come la Grecia , La Grecia torna al medioevo: 2/3 degli stipendi pagati in baratto, Grecia: con l’economia al collasso gli stipendi si pagano in buoni pasto, etc, etc

Ecco cosa scrivevo…
Per questo sorrido quando sento un 60enne (tutelato) o un pensionato (tutelato) dire:"i giovani non hanno voglia di lavorare..si inizia, anche con 500 euro al mese..ci si tira su le maniche…"
Ecco, attenzione: ieri erano 1000 euro, oggi 500, domani?
In Grecia siamo arrivati a salari da 200 euro, a prendere meno di 2 euro per ora lavorata.
Spesso i pagamenti (in nero) arrivano con mesi di ritardo…
In taluni casi siamo proprio al baratto e in altri si lavora in cambio di vitto e alloggio.

Ebbene, cari signori, eccoci qui:

Taranto, gli schiavi dei call center: “350 euro ogni 31 giorni effettivi di lavoro”

La Cgil racconta lo sfruttamento: "In un caso i dipendenti percepiscono regolare stipendio, ma dopo l’accredito sono costretti a restituire all’azienda oltre metà del compenso. E’ una tangente per mantenere il posto"

Domanda: ma un sindacato si limita a "raccontare" queste storie?
E gli organi preposti alla vigilanza dove capperi sono?

Ma che razza di paese siamo diventati?

Poi, capite perchè mi infervoro (mi incazzo, mi incazzo..-:)) quando sento parlare di ripresa, di 80 euro ed altre cosette del genere?

Visto che al peggio non c’è mai fine, prossima tappa saranno i buoni pasto in cambio del lavoro.

Poi il baratto?

Oddio, forse meglio avere vitto e alloggio, piuttosto che doversi affittare un appartamento e pagare le bollette…

-:)

Poi rimane solo la schiavitù…

Buon semestre (italiano) europeo, dedicato a crescita, lavoro e giustizia sociale!

Posted in: #NuovaResistenza