La Germania nazistella che insulta gli argentini

Posted on luglio 16, 2014 di


images?q=tbn:ANd9GcTuJH4TCriqYmQez6qCPwI7CQZpFD5Z4eKFPbtZTdtgkc9-IG4x

olimpiadi-1936-08.jpg

Come sapete, non ho mai attaccato molto la Germania, nè mi sono mai unito al coro del "cattivi tedeschi".

Se le cose vanno male (e direi che vanno malissimo) la colpa è nostra, di noi cittadini-elettori e della classe imprenditoriale-dirigente che abbiamo e di quella cialtronesca politica che abbiamo votato (io no)

Ad ogni buon conto, come scrivevo su twitter, mi sono vergognato per la finale dei Mondiali di calcio, pesantemente falsata da un arbitro italiano, mediocre e servile.

E l’ho fatto non solo perchè da sempre tifo Argentina, ma perchè, per chi non lo avesse ancora capito, il calcio è anche politica.

Comunque…

In Germania, prima ancora della partita (!!) hanno stampato 5 milioni di francobolli commemorativi.

Bel mistero, eh?
Hanno preso il rischio di buttare milioni di euro o erano certi della vittoria?
cinque milioni di francobolli stampati con la vittoria mondiale

I festeggiamenti dei giocatori tedeschi hanno fatto il resto.

In pratica, ai legittimi sfottò, hanno aggiunto modalità razzistiche e nazistelle…

In pratica gli argentini camminerebbero come le scimmie, i tedeschi in modo eretto…

Simulando un’andatura scimmiesca, i sei giocatori tedeschi neocampioni del mondo Götze, Klose, Kroos, Schürrle, Mustafi, Weidenfeller hanno intonato la seguente lugubre arietta: “So geh’n di Gauchos, die Gauchos, die geh’n so!” (così camminano gli argentini, gli argentini camminano così). Poi, raddrizzati i petti, hanno proseguito la camminata, questa volta eretta, cantando “So geh’n die Deutschen, die Deutschen die geh’n so” (così camminano i tedeschi, i tedeschi camminano così).

Trovo indecente, vergognoso, insultante questo modo di festeggiare.
Mi vergogno da italiano che un italiano si sia prestato a questo schifo e che i giornali abbiano taciuto pressochè all’unanimità le sacrosante e legittime proteste degli argentini.

Rizzoli è l’espressione peggiore di questa Italia, servile e schiacciata sulle posizioni dei nuovi padroni d’Europa.

L’arbitro perfetto in questa Italia renziana.

Posted in: #NuovaResistenza