Padoan al FT getta la maschera:”ci vorranno minimo 3 anni…”

Posted on settembre 8, 2014 di


Renzi, il selfie pubblicato e poi cancellato da Twitter FOTO

Renzi è sempre stato elogiato per la sua "velocità".

Il 25 febbraio il Parlamento gli votava la fiducia dopo la defenestrazione di Letta.

Tra tweet, programmi, annunci, pseudorottamazione, hastag, promesse, in 100 giorni prometteva di rivoluzionare il paese.

"Una riforma al mese", diceva…

Beh, di quella "velocità" e di tanti bei programmi non è rimasto nulla.

Il Premier continua ad essere veloce solo nelle battute (vedasi risposta alla copertina da gelataio dell’Economist)…

Resta irraggiungibile nei selfie (a tal punto da cancellarne uno RIDICOLO in 2 minuti…)

Quanto al resto, un totale fallimento…

Qui una sintesi di Di Battista, ma potrei postarvi grafici ed altri dati…

– per la prima volta dal 1956 paese in deflazione
– Italia in recessione
– record di disoccupazione giovanile (44,7%, mai cosi’ alta dal 1977)
– record di disoccupazione al sud (oltre il 20%)
– record di imprenditori suicidi
– record di posti di lavoro persi ogni giorno (oltre 1000)
– per la prima volta un condannato in via definitiva riforma la Costituzione
– per la prima volta un condannato in via definitiva pensa alla riforma della giustizia
– per la prima volta nella storia della Repubblica le forze dell’ordine (donne e uomini sotto pagati costretti a comprarsi da soli le divise e la benzina per le auto) minacciano lo sciopero generale

Oggi, cosa fa Renzi?

Prende tempo…

i 100 giorni sono diventati 1000.

Morando dice che gli effetti dei "mitici 80 euro" si vedranno in 3 anni (se confermati…)

Non c’è più fretta di tagliare (infatti Cottarelli se ne vuole andare)

L’orizzonte è ormai diventato il 2017, ma cosa si intenda fare, questo resta un mistero…

Le Province rimarranno (così come i costi), solo che non voteremo più…

La riforma della Pa è stato solo un spot, così come il #jobsact.

L’italicum non è più una priorità.

Sul Senato si vedrà.

La scuola è oggetto di stop and go continui e assumere 150.000 persone in 3 anni ha solo l’ennesimo sapore di "compravendita di voti" (come furono gli 80 euro, del resto)

Sulla scuola erano stati promessi 3,5 mld: ne risultano stanziati l’80% in meno e molti edifici cadono a pezzi.

I piani industriali nessuno li ha visti…

E potrei continuare…

La verità è che Renzi farà come Belrusconi: governerà a colpi di marketing, di battute, col supporto dei media, senza opposizione credibile…

Ma, come Berlusconi, non farà, davvero, nulla.

Padoan si è adeguato.
Ha capito di dover reggere il moccolo ad un vero cazzaro.

E, infatti, fa capire che sarebbe meglio avere la Troika in casa per fare vere riforme (dicendo, indirettamente, che il cazzaro non ce la farà mai…)

E, dopo aver ammesso di aver sbagliato ogni previsione…

Ecco che anche lui chiede, MINIMO, 3 anni…

Ma l’italia, così come è conciata, ha ancora 3 anni da buttare nel cesso dopo essere stata salvata da Monti e Letta? (Barroso dixit)

E come al solito gli italiani si faranno prendere per il culo (infatti, nonostante il TOTALE FALLIMENTO, la fiducia in Renzi sale…)

wpid-img_20140818_003143.jpg?w=547
Il ministro dell’economia al Financial Times: ci vorranno ‘minimo’ tre anni per avere ‘risultati visibili’ con le riforme strutturali.
ROMA (WSI) – "Tutte le previsioni puntavano ad un rialzo (del Pil, ndr) e sono state riviste al ribasso. Speriamo che non ci sia un terzo calo". Cosi’, intervistato dal FT, il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, sui dati negativi del Pil registrato dall’Italia nel secondo trimestre dell’anno.

Ci vorranno ‘minimo’ tre anni per avere ‘risultati visibili’ con le riforme strutturali, aggiunge il ministro, il quale nega che lo sforzo per le riforme in Italia sia minore di quello messo in campo dalla Spagna. Anzi, sulla riforma del mercato del lavoro, prevede un’accelerazione del dibattito per questa settimana.

Comunque, conclude Padoan, adottare nella Ue ‘benchmarks’ per poter misurare e confrontare le riforme strutturali servirebbe a disciplinare e a creare fiducia ai Paesi coinvolti: "Sarebbe estremamente utile per l’Europa e per l’Italia".

fonte: http://www.wallstreetitalia.com/

Posted in: #NuovaResistenza