Un tedesco su 3 voterebbe AFD (avvertite Renzi e Hollande che Angela non gliela darà..)

Posted on ottobre 21, 2014 di


Provate a fare 2+2.

Merkel non è l’ultima arrivata e di leaders ne ha visti passare parecchi in questi anni…

Merkeleuleaders.png

Una delle sue qualità maggiori è prendere un tema agli altri e svuotarlo o farlo proprio.

Ora, considerata la crisi irreversibile dei liberali…

Considerato il fatto che Afd è in costante crescita e si ritrova alla sua destra un partito ostico…

Considerato l’umore dei tedeschi contro i Piigs…

Considerato che neppure la Spd propone politiche europee poi così flessibili…

Secondo voi, come finirà?

Ditelo ai cazzari di Francia e d’ Italia, eh?

-:)

Renzi+e+Hollande.jpg

Berlino, 20 ott 11:05 – (Agenzia Nova) – Prima il Parlamento europeo a Strasburgo e Bruxelles, poi i parlamenti regionali a Dresda, Erfurt e Potsdam; e adesso gli euroscettici di "Alternativa per la Germania" (AfD) sperano di mettere le mani anche su Amburgo. Dopo le elezioni del 15 febbraio prossimo nella città anseatica, infatti, AfD vuole entrare nel suo quarto parlamento regionale, una missione che sembra alla portata del partito anti-euro. Secondo i sondaggi di domenica, gli eurocritici di AfD sono ancora al 10 per cento: un tedesco su tre, però, vedrebbe volentieri AfD anche al Bundestag (il Parlamento tedesco, ndr). AfD si considera un partito che rompe i tabù e tocca i problemi che gli altri partiti fanno passare sotto silenzio. Per i partiti tradizionali, invece, AfD è un movimento outsider di protesta, con elementi populisti che pescano nell’estrema destra. Tuttavia, il quotidiano economico "Handelsblatt", nonostante la sua marcia trionfale, l’entrata nel governo del nuovo partito anti-euro sembra quantomeno improbabile. Le riserve di Cdu e Spd nei confronti degli euroscettici sono troppo forti: il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble ha ribattezzato il partito da "Alternativa per la Germania" a "Vergogna per la Germania". La segretaria generale dell’Spd, Fahimi, ha chiesto praticamente a tutte le associazioni e istituzioni della Repubblica, dalle chiese fino ai sindacati, di opporsi – con il loro potere – agli euroscettici di AfD. I partiti della Grande Coalizione "chiedono quindi di mettere al bando un concorrente minore con una determinazione che tutti vorrebbero vedere applicata alla lotta contro l’Ebola", scrive ironicamente il quotidiano tedesco. Con i suoi attacchi, però, Fahimi non si è opposta agli obiettivi, ai desideri o ai temi di AfD, ma solo alla sua esistenza. Ma cosa succederebbe se AfD governasse in Germania? Quali progetti attuerebbe? La sua politica sarebbe davvero in grado di plasmare il paese? Una risposta a queste domande verrà soltanto quando il partito sarà in grado di dare prova di sé nei governi locali.

fonte: http://www.agenzianova.com/

Posted in: #NuovaResistenza