Senza sosta la supposta: in arrivo la tassa sul contante

Posted on febbraio 17, 2015 di


Queste le balle del Premier, oggetto di scherno da parte di pochi comici, ma di nessun articolo o quasi sui media italioti..(infatti il Premier ha ricordato che "tanto io ho le tv con me"...)

"La più grande riduzione di tasse nella storia della Repubblica", diceva…

Schermata-2014-10-17-alle-21.17.50.png

Schermata-2014-10-16-a-11.13.15.png

Qui la realtà..

def2.png

E infatti, le tasse continuano ad aumentare…

Collegamento permanente dell'immagine integrata

E adesso arriva anche la tassa sui contanti…

Una follia totale…

Inutile ribadire la nostra posizione sull’uso del contante, mentre, tra l’altro, il governo aiuta i veri evasori…

Leggete anche qui

freeskipper.renzi.jpg

Tassa sul contante versato in banca: spunta un nuovo balzello del Fisco

Un’imposta di bollo proporzionale al denaro versato alla banca potrebbe veder la luce nel prossimo Consiglio dei Ministri del 20 febbraio 2015. Ecco di cosa si tratta

Evasione fiscale Leggi gli altri articoli

La tassa sul contante versato in banca e lo scontrino e la fattura digitale sono le prossime novità inserite, nell’ottica della tracciabilità e quindi della lotta all’evasione fiscale, nel decreto in dirittura d’arrivo.

Tassa sul contante versato in banca: di cosa si tratta?

Arriva un nuovo balzello per i contribuenti nel prossimo decreto che sarà presentato e adottato nel Consiglio dei ministri del 20 febbraio 2015. Trattasi di una vera e propria tassa sul contante versato in banca, un’imposta di bollo proporzionale ai versamenti giornalieri in banca superiori ai 200 euro.

Per fare un esempio, il commerciante che depositerà, sul proprio conto corrente, il denaro derivante dalle vendite giornaliere, se supera la soglia di 200 euro, sarà soggetto all’imposta di bollo.

fonte: http://www.investireoggi.it/

Posted in: #NuovaResistenza