ALLA FAMIGLIA MADIA 1,8 ML DALLA REGIONE LAZIO

Posted on febbraio 24, 2015 di


E poi dite che il governo per le famiglie non sta facendo nulla, eh?

madia-marito-643119.jpg

Le amicizie contano, eccome se contano. Soprattutto se uno vuole sfondare nel mondo del cinema o della televisione. E pazienza se dopo tanti tentativi uno finisce a fare il ministro, parlando di «merito» e «guerra ai privilegi», invece che a Cinecittà. Certi rapporti, certi legami, sono sempre validi.

Mario Gianani e Marianna MadiaMARIO GIANANI E MARIANNA MADIA

E se poi capita di ritrovarsi con un marito produttore cinematografico, il cerchio si chiude. E sì, sembra la sceneggiatura di un film, invece è il canovaccio di una solida realtà. Tanto solida da avere per protagonisti il ministro della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, il produttore cinematografico Mario Gianani, socio della casa di produzione Wildside (gli altri azionisti sono Saverio Costanzo, Marco Martani, Lorenzo Mieli e Fausto Brizzi) e la Regione Lazio.

A sollevare il caso dei finanziamenti elargiti dall’assessore alla cultura Lidia Ravera – una che è riuscita a premiare se stessa al Premio Fregene – alla società di produzione della quale il marito della Madia è socio, è il leader de La Destra Francesco Storace. Calcoli alla mano la Wildside avrebbe ottenuto oltre un milione di euro.

mario giananiMARIO GIANANI

«A dicembre la società di produzione cinematografica che vede il marito della Madia fra gli azionisti, ha incassato 1 milione e 200 mila euro per produrre cinque pellicole», spiega Storace. I film sono «Profumo di pesche» dedicato ai rom, «Incompresa» con Asia Argento Gabriel Garko, «Indovina chi viene a Natale», «In treatment», «1992 La peggiore Gioventù». Non tutti però sono stati girati interamente nel Lazio. «Profumo di pesche», per esempio, è ambientato a Torino e girato solo in parte a Roma. Per il consigliere regionale non si tratta di una novità.

Già a febbraio del 2014 era esploso il caso del finanziamento di oltre 300 euro sempre alla stessa società per produrre il film «Pazze di me» in cui recitava anche la stessa Madia, che, evidentemente, sognava di fare l’attrice. Modesto particolare. Il film firmato da Fausto Brizzi, dai più definito «il re della commedia italiana» e componente del gotha renziano, è stato un clamoroso flop. La stessa cifra, oltre 300 mila euro, era stata stanziata dalla Regione Lazio per produrre «La Grande Bellezza», realizzato dalla Wildside. In totale, quindi, per sette pellicole, la Regione Lazio ha elargito ai Madia ben 1 milione e 800mila euro.

FRANCESCO STORACE E MAURIZIO GASPARRI SELFIEFRANCESCO STORACE E MAURIZIO GASPARRI SELFIE

Per la giunta regionale, però, è tutto regolare. «La legge sul cinema nel Lazio, approvata dal Consiglio regionale negli anni della giunta Polverini», spiegano dalla Regione, «prevede l’accesso ai fondi con automatismi e senza discrezionalità in quanto basata su criteri esclusivamente oggettivi che assegnano fondi ai film girati in tutto o in buona parte nel Lazio e utilizzando attori, tecnici e maestranze del Lazio, o eseguendo nel Lazio la post produzione.

Questi automatismi, già molto rigidi e che mettono al riparo da qualsiasi eventuale pressione, nella recente revisione della legge sul cinema e l’audiovisivo, sono stati dalla giunta precisati e resi ancora più selettivi». Insomma, nessun favoritismo. Eppure il giro è quello «degli amici». Per dire.

Nei 10 milioni di euro distribuiti dall’assessore alla Cultura c’è anche «La mafia uccide solo d’estate», prodotto dalla stessa Wildside e diretto dal regista esordiente, ma anche lui renziano, Pif (un habitué della Leopolda poi finito sul palco di Fazio a Sanremo), che ha ricevuto apprezzamento e sostegno economico dalla Regione Lazio, ma un po’ meno: 112.361 euro.

fonte: http://www.dagospia.com/

Posted in: #NuovaResistenza