La dittatura delle bugie renziane

Posted on marzo 31, 2015 di


na10fo01.jpg

Qui trovate alcuni principi cardine della propaganda nazista, ideati da Goebbels.

1. Principio della semplificazione e del nemico unico.
E’ necessario adottare una sola idea, un unico simbolo. E, soprattutto, identificare l’avversario in un nemico, nell’unico responsabile di tutti i mali.

2. Principio del metodo del contagio.
Riunire diversi avversari in una sola categoria o in un solo individuo.

3. Principio della trasposizione.
Caricare sull’avversario i propri errori e difetti, rispondendo all’attacco con l’attacco. Se non puoi negare le cattive notizie, inventane di nuove per distrarre.

4. Principio dell’esagerazione e del travisamento.
Trasformare qualunque aneddoto, per piccolo che sia, in minaccia grave.

5. Principio della volgarizzazione.
Tutta la propaganda deve essere popolare, adattando il suo livello al meno intelligente degli individui ai quali va diretta. Quanto più è grande la massa da convincere, più piccolo deve essere lo sforzo mentale da realizzare. La capacità ricettiva delle masse è limitata e la loro comprensione media scarsa, così come la loro memoria.

6. Principio di orchestrazione.
La propaganda deve limitarsi a un piccolo numero di idee e ripeterle instancabilmente, presentarle sempre sotto diverse prospettive, ma convergendo sempre sullo stesso concetto. Senza dubbi o incertezze. Da qui proviene anche la frase: “Una menzogna ripetuta all’infinito diventa la verità”.

7. Principio del continuo rinnovamento.
Occorre emettere costantemente informazioni e argomenti nuovi (anche non strettamente pertinenti) a un tale ritmo che, quando l’avversario risponda, il pubblico sia già interessato ad altre cose. Le risposte dell’avversario non devono mai avere la possibilità di fermare il livello crescente delle accuse.

8. Principio della verosimiglianza.
Costruire argomenti fittizi a partire da fonti diverse, attraverso i cosiddetti palloni sonda, o attraverso informazioni frammentarie.

9. Principio del silenziamento.
Passare sotto silenzio le domande sulle quali non ci sono argomenti e dissimulare le notizie che favoriscono l’avversario.

10. Principio della trasfusione.
Come regola generale, la propaganda opera sempre a partire da un substrato precedente, si tratti di una mitologia nazionale o un complesso di odi e pregiudizi tradizionali.
Si tratta di diffondere argomenti che possano mettere le radici in atteggiamenti primitivi.

11. Principio dell’unanimità.
Portare la gente a credere che le opinioni espresse siano condivise da tutti, creando una falsa impressione di unanimità.

E’ il motivo per il quale Renzi trionferà sulle macerie del paese….

Io mi sono stancato da mesi di "smontare", pezzo per pezzo, le balle che OGNI GIORNO sento.

L’ho fatto per mesi, dedicando tempo ed energie…

Ma non serve…tempo sprecato…

E qui sta la vittoria di Renzi: aver così sfibrato ogni minima opposizione nel paese, da poterlo governare in modo totalitario.

Ormai, non esiste che la sua versione e che, ancora, si oppone è gettato nel discredito, apostrofato con il bestiario in mano o relegato a spazi così insignificanti da non poter far sentire la propria voce.

Sono talmente colossali le sue balle, senza vergogna, ripetute a manetta, da mane a sera, che non ci stai più dietro, che dovresti spendere tutte le 24 ore del giorno…

E la tecnica è proprio questa: quando hai dalla tua tv e giornali, poteri e caste, puoi permetterti di dire qualsiasi tipo di bugia.

Anzi, meglio è se le racconti più grandi, se ogni giorno ne spari una più inverosimile, se mitragli le persone costantemente.

La maggior parte non ha strumenti per difendersi e quei pochi che potrebbero o li hai già annullati o emarginati o resi impotenti dinanzi a tale spiegamento di forze mediatiche che non vale neppure più la pena…

Ed in un paese come questo, dove "si soccorre sempre il vincitore", la cosa funziona benissimo.

Quando vedi tw come questi…

COSA PUOI FARE?

Cosa puoi dire?

rwww

aasddd

sdafaf

Io avevo detto che Renzi era peggio di Berlusconi, ma, anche a sinistra, pochi mi si filavano…

E’ peggio da un punto di vista umano, politico, economico…

Berlusconi era molto più rispettoso delle opposizioni e delle istituzioni.

Renzi si sta costruendo leggi elettorali che fanno rabbrividire…come la legge Acerbo…

Renzi è autoritario e la deriva del paese è del tutto evidente.

E mentre il Banana aveva uno straccio di opposizione culturale (vedi intellighenzia e giornali a sinistra, il tg3) e di altri poteri (vedi De Benedetti, magistratura, Ue etc) e, minimamente, politica… a Renzi è concesso tutto, perchè non esiste più alcuna opposizione.

Cosa dovrei ricordarvi?

I post in cui dicevo e scrivevo queste cose 12 mesi fa?

Volete che riprenda cosa dicevo sull’Italicum quando in molti plaudivano?

Volete che tiri fuori le decine di post con i quali smontavo le cazzate propagandistiche pronunziate da questo cialtrone?

Ma ve la ricordate la "ripresa col botto" che ci sarebbe dovuta essere a settembre? (vedasi qui come è finita…)

E l’Italia "locomotiva dell’Europa"?

E la promessa sui crediti delle Pa alle imprese?

E i soldi per la #buonascuola ? quando invece le nostre scuole cadono a pezzi e i genitori si devono (NUOVAMENTE) autotassare per fare collette?

E i miliardi per la "messa in sicurezza del territorio"? (poi appena piove vien giù tutto…)

E la Pa da cambiare entro aprile?

matteo_renzi_riforme_sky.jpg

E il #cambioverso?

E la meritocrazia tanto sbandierata?

E la legge contro la corruzione? (ogni giorno ne arrestano uno nel Pd…)

O vogliamo raccontare delle colossali barzellette sulla riduzione delle tasse?

Mi fermo qui, ma potrei andare avanti per ore.

Se siete renziani per interesse, ok, posso anche capire…

Se lo siete diventati per sopravvivenza, anche…

Cosa volete che vi dica…

Se lo siete per altre ragioni a me del tutto incomprensibili, vi considero dei perfetti idioti e, dunque, non perderò altro mio tempo.

italiota+pre2.jpg

E non vi azzardate a darmi del "poco democratico"

In fondo, nella vita, se nessuno mai ve lo ha detto, prima o poi qualcuno lo deve anche fare…

Siete dei poveri stolti, ma la vostra fortuna è che non ne siete a conoscenza…

-:)

C’è da essere molto preoccupati per la deriva economica, politica e culturale che sta (nuovamente) prendendo questo paese fallito.

E non sarà per nulla consolatorio tra qualche anno aver avuto ragione.

ps: leggetevi anche il post qui sotto.

La Pravda e l’Istituto Luce a confronto erano dei principianti…

Schermata-2012-07-06-a-12.19.51.png
Per fortuna che il 4 aprile partirò alla volta di Bangkok per la prima fase del progetto "SE Asia"
perché francamente inizio ad avere una seria crisi di rigetto nei confronti della pesantissima manipolazione e "controinformazione" messa in atto in FallitaGlia…

Governo, associazioni di categoria, istituzioni e naturalmente mass-media-a-libro-paga
tutti i santi giorni ci parlano della mitica Ripresa, ci strombazzano dati "positivi" (spesso manipolandoli e/o decontestualizzandoli),
ormai ci parlano persino di "Rinascimento italiano": vedi qualche giorno fa Squinzi di Confindustria … anche se in realtà ho scoperto che ciarlava di "Rinascimento" già nel 2012…. eh eh eh 😉
Allo stesso tempo vengono ignorati o messi in sordina i numerosi dati NEGATIVI
che sono ancora più Negativi perché il contesto esterno è eccezionalmente favorevole = Quantitative Easing, tassi bassissimi, euro debole, petrolio in saldo etc etc

Ve lo spiegavo nel mio post: Con la "zombie-economia" italiana non funziona nemmeno più il "calcio nel culo"….

Insomma…è in atto un vero e proprio capovolgimento della realtà:
infatti l’Italia sta sprofondando sempre di più nel suo Medioevo Feudale e nel suo Declino strutturale, come vi ho spiegato e dimostrato più volte.

italy%2Blong%2Bterm%2BGDP%2B2(1)bis33.png

Io come blogger indipendente sono abituato a smontare le balle della (dis)informazione ufficiale
ma un livello simile di "alterazione/CAPOVOLGIMENTO della realtà" non l’avevo mai visto…
a confronto l’Istituto Luce e/o la Pravda erano più affidabili ed autentici….

Il martellamento messo in atto sulla Ripresa….sulle condizioni eccezionalmente favorevoli etc etc
è talmente massiccio che gli indici di fiducia consumatori ed imprese continuano a salire a stecca mentre l’economia Reale continua a far CAGARE (termine tecnico), con la continua uscita di pessimi dati macro-economici.
E’ una situazione veramente schizofrenica e surreale,
che conferma come la massa italiota si beva veramente qualunque minkiata
e dunque gli Indici di Fiducia in Fallitaglia hanno una valenza predittiva nettamente inferiore alle media….e non è una battuta ma è la verità dimostrabile con dati e precedenti storici.
Dunque se da un lato abbiamo gli imprenditori ridotti alla disperazione che si aggrappano a qualunque speranza (intendo quegli imprenditori fessi che rimangono ancora a farsi massacrare in FallitaGlia con il 70% di Tasse e Burocrazia da Lager…)

Fiducia in miglioramento per consumatori e imprese: aziende al picco dal 2008
L’indice relativo alle imprese segna 103 punti, recuperi in tutti i settori.
Segnali positivi anche dai consumatori, che si mostrano ottimisti sulla ripresa del Paese…..
Tanto che il Belpaese si pone anche come motore della fiducia nel resto d’Europa…..

fid%2Bimprese.jpg

dall’altra gli Ordini all’Industria (ed il fatturato) hanno tutto un altro andamento rispetto alla fiducia…
ed a gennaio hanno subito un crollo
"Un dato non fa primavera", però anche la media mobile a tre mesi si dimostra debolissima…

….Caduta degli ordini industriali in Italia. A gennaio, gli ordini industriali hanno registrato un calo del 3,6% rispetto al mese precedente ….

ordini%2Ball'industria.png

Adesso….
io capisco che gli "indici di fiducia" sono dei leading indicator mentre gli ordini/fatturato delll’industria rappresentano una "foto" di 2 mesi fa….
però le aspettative sono veramente troppo elevate rispetto ad una Realtà che continua a mostrarsi estremamente negativa con qualche vago cenno di miglioramento od anche solo di arresto della caduta…

E qualcuno può spiegarmi come fa a crescere l’occupazione di fronte a dinamiche di attività così esangui?
Infatti poco fa ecco un altro REALITY CHECKING
sul quale naturalmente Governo, Confindustria, i Giornali etc etc faranno finta di nulla….e torneranno 5 minuti dopo a parlare di Ripresa, Rinascimento etc etc
La Disoccupazione in Italia torna a PEGGIORARE,
mentre Renzi&soci sparano minkiate euforiche e BALLE A GO-GO sulla marea di nuovi contratti lavorativi….
e tutti i mass-media-a-libro-paga a fare da grancassa a marchiane MISTIFICAZIONI DELLA REALTA’.

Insomma, come ho spiegato più e più volte
non voglio certo negare che siano una serie di drivers positivi anche se esogeni e NON strutturali
ma ormai in Fallitaglia stiamo superando qualunque livello di decenza anche da parte di fonti che non hanno mai brillato per la loro veridicità.
Come la "banfata" sparata da Padoan qualche tempo fa
sul fatto che lo spread starebbe scendendo perché l’Italia starebbe facendo le cose giuste ed i mercati l’avrebbero capito,
mentre in realtà al 90% è solo merito della BCE e di Draghi con tutti i suoi LTRO-OMT-QE-Bazooka…
che una cosa buona l’hanno fatta di certo = hanno fatto decollare le BORSE Europee, FTSE MIB included… mentre per tutto il resto stiamo ancora aspettando… 😉
Ed intanto il Debito Pubblico è tornato a salire, riavvicinandosi ai record storici…

Bankitalia, debito pubblico vicino al record
Aumento di 31 miliardi a gennaio. E’ a 2.165,9 miliardi, molto vicino al massimo storico di 2.167,7 miliardi registrato a luglio del 2014….

Riguardatevi bene il grafico del mio post Il Grafico (anti-cialtroni) del Giorno…
che rimane assai illuminante per chi vuol vedere la realtà
(clicca per ingrandire)

unnamed%2B(2)b.jpg

Il Grafico (anti-cialtroni) del Giorno
giusto per contestualizzare un minimo ‘sta mitica RIPRESA che viene strombazzata in lungo ed in largo da Governo e mass-media…ancor prima che si manifesti….;-)
Ve lo commento brevemente
– la linea discendente verde è il ns. PIL che in 6 anni sta a ca. -10% (maforse forse nel 1° trim. 2015 faremo un +0,1%…uaooooo!)
– la linea ascendente viola è il ns. Debitone Pubblicone sempre più alle STELLE: notare il mitico incrocio ad X con la linea discendente del PIL….
– la linea bianca discendente è il Rendimento del ns. BTP 10y ormai sceso ad un minimale 1,35% circa…manco fossimo la Svizzera…
Pregasi apprezzare il "quasi-parallelismo" tra la discesa del PIL e la discesa del rendimento del BTP
Nonché la correlazione inversa tra rendimento del BTP che scende e Debito Pubblico che sale a razzo…
perché "com’è logico che sia"…più l’economia di un Paese sprofonda…più il suo Debito Pubblico va alle stelle…
meno costa il suo Debito e più si azzera il rapporto rischio/rendimento…no?
E la BCE di Draghi non c’entra una cippa….veroooo?
Tutto merito di Renzi, della Ripresa, delle Riforme e dell’economia Reale pimpante… 😉

Ma un po’ di verità ogni tanto sfugge persino a LORSIGNORI….in mezzo al martellamento quotidiano sulla mitica Ripresa:

Vabbè… io finalmente tra poco parto per il Sud Est Asiatico e vi lascio volentieri in mezzo a questa "bagna"….perché francamente mi SONO ROTTO IL CAXXO….

Terminiamo lo sfogo con una chicca di lecchinaggio (vedi la foto) & "arrampicata sui vetri" by Milano Finanza
ma soprattutto con un paio di commenti che, grazie a Dio, sono degli spiragli di luce in mezzo alla Nebbia della disinformazione fallitaGliota….
Fa piacere sapere che, in mezzo ad una massa di Fessi boccaloni Italioti, qualcuno ancora si salvi…;-)
img276714.jpg

Aria di Rinascimento italiano
È vero, per l’industria italiana l’anno è partito con il piede sbagliato: a gennaio il fatturato è diminuito dell’1,6% rispetto a dicembre e del 2,5% su base annua.
Ancora peggio sono andati gli ordinativi, scesi rispettivamente del 3,6% e del 5,5%.
Eppure sui mercati azionari l’ottimismo è palpabile e dall’inizio dell’anno il Ftse Mib ha guadagnato più del 20%.
E nei giorni scorsi il Credit Suisse si è addirittura spinto a ipotizzare un nuovo Rinascimento italiano. Di certo quest’anno il pil dell’Italia tornerà a crescere dopo la contrazione del 2,3% nel 2012, dell’1,9% nel 2013 e dello 0,4% nel 2014…..

Ecco i "sani" commenti di un paio di "saggi" lettori….

……….Venendo a titolo ed immagine, non fosse stato tirato in ballo dal Credit Suisse , il parallelo Renziano col Rinascimento mi farebbe pensare alla foto del Duce che gli italiani dovevano tenere in bella mostra in casa durante il ventennio ( in EmiliaRomagna-Toscana la sostituirono poi con quella della coppia Stalin-Togliatti), e passandovi davanti c’era chi esclamava "astro" e chi " a strò ".
…………….
il buio medioevo dell’italietta socialista di Renzie e Berlusconi
E’ veramente divertente.
Rinascimento italiano.
C’è una piccola differenza fra l’italia del rinascimento e l’italia di oggi.
L’italia del rinascimento era composta da piccoli ducati, repubbliche e città stato che rispetto al resto del continente (immerso nel medioevo) erano veri e propri paradisi fiscali. E così allora una repubblica come quella di Venezia aveva un Pil superiore all’intero regno di Inghilterra.
Gli stati della penisola attiravano persone dal resto d’europa. In particolare i servi della gleba scappavano nelle città stato e per sottrarsi alla servitù verso le baronie.
Oggi?
Oggi l’italia è uno stato unico, governato da una schifosa casta di governo che spreme i cittadini per mantenere in piedi il letamaio della spesa pubblica.
Oggi dall’Italia la gente scappa. E’ un paese che invecchia sempre più, in declino e affossato dalla voracità di una casta feudale che inscena uno show patetico chiamato alternanza: PD e PDL; l’alternanza dei tangentari ex comunisti di Renzie con i tangentari socialisti di Berlusconi. Pagliacci squallidi che poi si sostengono al governo vicendevolmente.
Quello che si può assaporare nell’italietta socialista di Renzie e Berlusconi non è un rinascimento; è uno squallido e miserevole medioevo.
Gli italiani non sono altro che sudditi schiavi dei maiali romani. Suddiri vessati da tasse e servitù. Mentre la casta sindacale, confidustriale e politica si rimpinza con poltrone, appalti, tangenti e vitalizi.
Rinascimento? Dove?

fonte: http://www.ilgrandebluff.info/

Posted in: #NuovaResistenza