Da oggi il blog è sospeso

Posted on aprile 23, 2015 di


La decisione, sofferta, è stata presa.

Sospenderò l’attività del blog.
Vedremo se tale decisione sarà definitiva oppure no.
Non escludo anche una possibile cancellazione del mio profilo twitter

In questi anni, con i nostri limiti di tempo e di risorse, abbiamo fatto un duro lavoro di informazione "indipendente" e, vi assicuro: non è stato semplice.

Il tutto, sempre gratuitamente…sempre con onestà intellettuale…

Seguire le altri fonti mainstream o indipendenti, fare analisi, postare commenti, etc, etc è un’attività che ti assorbe totalmente, che ti sottrae tempo ed energie preziose…
Ma ho svolto questo "lavoro" con passione e dedizione.
Da quando ho deciso di aderire alla proposta del blog Il Contagio non c’è stato un giorno in cui non vi abbia dedicato un po’ delle mie energie.

Spesso le nostre analisi hanno anticipato le cose e gli eventi (potrei fare molti esempi, vedasi il bail in di cui vi parlavo 2 anni fa, nell’incredulità di molti)

Sapete…Talvolta è frustante e per nulla consolatorio vedere che alcuni, a distanza di tempo, ti diano ragione quando bastava vedere le cose "prima" per arrivare alle stesse conclusioni…

Ma va beh…
Fa parte del gioco…

Nonostante tutto (e qualche incazzatura) non ho mai smesso la mia attività.

Ho cambiato stile, ho fatto meno analisi e più "rassegna stampa", perchè le cose "erano già state tutte o quasi scritte" e perchè le cose ormai sono autoevidenti (per chi ha un minimo di cervello. Per chi non ce l’ha…no hope)

E del resto: a che serve commentare o fare analisi?
Tutto o quasi è stato detto, con largo anticipo, peraltro.
Seguire la cronaca quotidiana non scalfisce l’analisi di fondo e di lungo periodo che è stata fatta sul nostro paese.

L’Italia, al di là delle chiacchiere, è proiettata lungo una linea direttrice assai chiara.
E non ho più voglia di ripeterlo ogni santo giorno.

E serve forse a qualcosa smontare pezzo a pezzo la propaganda quotidiana del governo?
Certo, "resta agli atti" e tra 1 mese-1 anno-10 anni potrei dire "visto? è nero su bianco…io ve lo avevo detto!".

Ma a cosa serve?
A nulla.

Anzi, come detto, è frustrante avere ragione, dopo…

O riesci ad incidere e a contare hic et nunc o non serve a nulla.

E visto che non ho milioni di lettori e non riesco manco a convincere gli amici più intimi di alcune cose, è, davvero, fatica sprecata.

Ho cercato disperatamente di far comprendere come ci fosse una opportunità politica nel 2013 unica e rara anche a quanti mi erano più vicini: non ho spostato di 1 centimetro le loro convinzioni.
Oggi alcuni mi dicono: "la prossima volta…" non comprendendo che non ci sarà alcuna prossima volta.
In politica, in economia, nella vita delle persone i treni passano poche volte…
Il timing è tutto.

Allo stesso modo fui tra i primi a mostrare come Renzi potesse essere solo un "grande bluff" e, anche qui, solo ora ci arrivano in molti, ma purtroppo il danno è stato fatto.

Idem sulle questioni economiche.
Ho fatto le mie scelte ma non sono riuscito a fare gruppo.
Ma qui, in futuro, diversamente che dalla politica, i risultati si vedranno -:)

Dunque, in questi mesi, pur dedicando meno tempo al blog, pur avendo cambiato la modalità di diffondere le notizie, pur avendo dedicato maggior tempo agli affaracci miei (vedi tradate in borsa)…ho comunque continuato la mia attività.

Ma ora le cose stanno cambiando.

Sapete…

Non è la stanchezza che mi induce a sospendere l’attività del blog….
Non è la mancanza di tempo…
Non è la totale disillusione di poter incidere almeno un po’ o in cerchie ristrette di lettori…
Non è la frustrazione….
Non è la solitudine della minoranza…

No, c’è molto di più.

Cosa è cambiato rispetto a prima?

E’ cambiato il clima nel paese.
Intendiamoci: gli italiani restano quel che sono (purtroppo a maggioranza italiota) ed il paese anche…
Ma c’è di più.

In questi mesi c’è stato un crescendo di attacchi a qualsivoglia opposizione e critica.
Sindacati, magistrati, opposizioni politiche, professori, etc, etc

Chiunque ha osato criticare è stato via via epurato, emarginato, attaccato, deriso, tacciato di essere "gufo-rosicone-sciacallo", etc, etc

E’ cresciuta a dismisura una totale intolleranza per le poche voci dissenzienti in questo paese.

Lo si vede in modo evidente nei tg..sui giornali…
Lo si comprende nei luoghi di lavoro…
L’ho visto sui social media.

Sono stato bannato-defollowato da politici solo per aver osato criticarli e per aver mostrato la loro ipocrisia ripescando qualche loro vecchio tweet.
Ogni discussione e confronto è divenuta insostenibile con i "filo-governativi"
Non solo non accettano critiche, ma sembrano tutti completamenti devoti al Capo e al Verbo Unico.
Sembrano robot, fatti con lo stampino, ripetono tutti, all’unisono, nello stesso modo, le medesime parole.
Sono degli ultras, degli invasati…
Ed io a questo gioco non ci sto più.

Settimane fa, ad un aperitivo, con il mio amico @donndax facevo questa analisi e mostrai la mia preoccupazione.
Io e @donndax la vediamo su molte cose allo stesso modo, è un caro amico…
Eppure mi disse:"ehi, forse stai esagerando…"

A distanza di pochi giorni, la "questione Italicum" mi ha, forse, dato ragione.

Trovo di una gravità inaudita quanto stia avvenendo.

Un partito minoritario ( il Pd prese il 25% alle elezioni del 2013 e fu 2° dietro al m5s e fu reso 1° solo grazie ai voti di Sel..), con un Premier non eletto, parlamentari eletti con un sistema dichiarato incostituzionale, contro ogni opposizione, dopo aver epurato 10 membri del Pd stesso in commissione affari costituzionali (cosa mai avvenuta prima nella storia) si appresta a mettere la fiducia (altra cosa avvenuta solo col fascismo) per approvare una legge incostituzionale e di chiarissima deriva autoritaria.

E sarà il leader a scegliere i deputati…
Quindi saranno di strettissima osservanza renziana…

Non lo so, ditemi voi: è una cosa normale e accettabile?
Si puo’ stare zitti dinanzi a tutto ciò?

E tutto questo accade nel silenzio dei media (a parte qualche lodevole giornalista) e del Presidente della Repubblica, con il 75% della popolazione che non sa neppure cosa cacchio sia l’italicum.

Perchè l’italicum sia una legge sbagliata e incostituzionale l’ho scritto qui.

L’ho detto fin dal primo giorno (possono testimoniarlo i miei followers)

In un paese dove tutti soccorrono il vincitore…dove le istituzioni sono assai deboli e sfibrate (vedasi 3 premier non eletti)..attraversato da chiara e profonda crisi economico-sociale…dove i media sono tutti schierati…che non ha più molta sovranità (politica-monetaria) credo che l’italicum (se approvato nella versione licenziata dalla commissione) sia la pietra tombale ad ogni possibilità di opposizione politico-culturale-sociale nel nostro paese.

Renzi ha indebolito le parti sociali, ha bastonato le opposizioni, ha distrutto ogni minoranza interna, sta occupando ogni centro di potere e di informazione come nessuno prima di lui nella vita repubblicana italiana.

Ai tempi di Berlusconi c’erano evidenti problemi e storture, ma non si arrivò a tanto.
Esisteva una informazione più libera e plurale (vedasi tg3,espresso,repubblica…) mentre oggi è tutta appiattita sul Capo (vedi qui)
Esisteva uno straccio di opposizione politica…
Esistevano i sindacati…
Esisteva un Pdr garante…
Esistevano gli intellettuali, i girotondini, etc

Era spesso una opposizione anche ridicola, disorganizzata, talvolta prevenuta…Ma esisteva!
Dinanzi a forzature evidenti c’erano trasmissioni, appelli, girotondi…
Oggi, nulla.
Silenzio totale, che ogni giorno di più si fa assordante.

Oggi Renzi ha "asfaltato tutto e tutti".
Esiste lui e il popolo.
Non esiste neppure più il suo partito, abilmente "scalato" (come il paese), lasciato alle lotte intestine periferiche di bande e correnti organizzate…
Si è attorniato di pochi intimi e di yesman senza alcuna personalità.

In molti voltagabbana sono saliti sul suo carro…(vedi Moretti)
Ha più o meno cooptato minoranze e minorati nel suo partito…
Ha acquistato nuovi adepti da Sc e dal M5s (in cambio di cosa?)…
Oggi sono con lui Gennaro Migliore (ex sel) e Bondi…

Rendetevi conto…

La Storia ci dirà come andranno le cose, ma, vedete, un uomo ha una sola vita e non puo’ aspettare il giudizio degli storici per mostrare segni di preoccupazione.

Io non ho mai avuto problemi ad essere minoranza.
Purtroppo ho capito nel tempo, mio malgrado, che mi toccherà andare sempre in direzione ostinata e contraria (cit) rispetta alla maggioranza…

Ma il problema sta proprio nel poter essere riconosciuto come minoranza, non come qualcosa da ghettizzare, emarginare, attaccare, bastonare, insultare, annullare, deportare...

Qui siamo dinanzi ad una chiara e pericolosa deriva autoritaria (che io ho definito "fascista", anche se non mi piace utilizzare questa parola..) che s’intreccia pericolosamente con una crisi istituzionale-politica-economica e sociale senza precedenti.
E anche attorno a noi il clima è assai fosco (recessione economica, prossimo scoppio delle bolle che hanno creato, conflitti, frizioni internazionali da guerra fredda, problema emigrazione, etc)
Guardate che sono preoccupato: persino Passera usa le mie stesse parole…
-:)…"deriva autoritaria"…

Qui è in gioco il futuro della nostra democrazia e lo dico senza pensare di peccare d’enfasi.

Non oso immaginare se le cose dovessero precipitare a livello economico o geopolitico…
Forse si renderebbe "necessario" qualche altro atto di forza…qualche altro strappo alle istituzioni…qualche emergenza da affrontare in ogni modo…senza alcuna opposizione ad intralciare…

Per questo servirebbe, invece, un paese dove maggioranze e minoranze (politiche, sociali, culturali) si riconoscano e si rispettino.

In fondo, se questo paese ha superato anche momenti difficili nella propria storia, è stato proprio perchè, pur un un clima di forte scontro politico-ideologico, vi era sempre e comunque un rispetto delle minoranze.

Dc e Pci erano avversari, ma scrissero insieme la costituzione…
Almeno le cd "regole del gioco" si scrivono insieme, a larghissima maggioranza.

E’ assurdo quanto sta avvenendo.
E’ incredibile che ci avversava questa legge elettorale ne sia diventato relatore…

Immagine in linea 2

E’ paradossale che il partito che gridava al golpe di Berlusconi per il Porcellum si appresti a votare, da solo, una legge elettorale molto peggio di quella di Calderoli.
E’ vergognoso che chi prima diceva una cosa, ora faccia l’esatto opposto.

Immagine in linea 1

Oggi vi è la pretesa di egemonizzare tutto, di annullare gli altri e ridurli al silenzio, di ricondurre tutti sotto l’unico Capo o il solo Partito Nazione.

Mi tocca persino rivalutare Letta che, sta a Renzi, come De Gasperi a Razzi.. quando dice che approvare l’Italicum a maggioranza sarebbe un disastro..e quando dice che Renzi é per gli italiani metadone…

Ma anche le opposizioni sono colpevoli, perchè l’Aventino non è la risposta giusta.
Devono necessariamente alzare i toni dello scontro politico.
O lo fanno ora o si consegnano per sempre alla irrilevanza.
Mi sorprende che Lega o M5S non abbiano tirato in causa Mattarella (mi auguro abbiano avuto qualche rassicurazione) e non protestino più ferocemente.

Il clima è davvero pesante e inizio seriamente ad essere preoccupato.
Ora, qualcuno mi dirà che esagero.

Puo’ essere, vedremo.

Per me l’approvazione dell’italicum confermerebbe tale deriva che vedo da tempo in atto nel paese.

Spero che il governo, il Pd e Renzi rinsaviscano e facciano marcia indietro.
Mi auguro che tra qualche deputato Pd ci sia uno scatto di orgoglio e di dignità.
Mi rattrista vedere gente che ho avversato politicamente (ma che rispettavo), ex bersaniani di ferro, che ora sono più renziani di Renzi…
Mi auguro che Mattarella intervenga, perchè non puo’ dimenticare che da giudice bocciò il Porcellum e da deputato lo avverso’ con parole assai chiare ed inequivocaibili…
Mattarella ha il diritto e il dovere di fermare tutto ciò, altrimenti sarà lui stesso il primo responsabile.

Immagine in linea 3

Mi auguro che i parlamentari possano fare qualcosa (anche se tra verdiniani, opportunisti, ex5 stelle…la vedo dura…)

In caso contrario, la sospensione del blog sarà a tempo indeterminato.
Non avrebbe più alcun senso continuare la mia attività.
Qualcuno dirà:"sbagli, sarebbe ancora più utile una voce di opposizione"
E, invece, no.
Io non passerò 20 anni a gridare per nulla, a scrivere, a denunciare.

Con l’italicum ci aspetterà un lungo e grigio periodo in cui sarà impedito alle minoranze di esprimersi e di far sentire la propria voce (speriamo che non si arrivi al peggio)
Perchè l’Italicum non è solo una legge elettorale, ma è l’ultimo atto che consegnerebbe il paese al renzismo.
E, francamente, sono anche preoccupato anche della possibile deriva extraparlamentare che potrebbe attraversare le opposizioni politiche, spappolate e ridotte al silenzio e alla totale irrilevanza.
Quando le persone non trovano rappresentanza nelle istituzioni, la cercano fuori,nelle strade.
E’ la storia a dirlo…

A scanso di equivoci: sarei anche preoccupato qualora, in un ipotetico secondo turno, tutte le minoranze-opposizioni si coalizzassero solo "contro" Renzi e il Pd, non avendo alcuna idea condivisa, se non l’avversione a Renzidux (La sola cosa accettabile sarebbe un patto M5s,Lega, Fi, Fdi,Sel per smantellare l’Italicum e tornare al voto con un’altra legge elettorale)
Il problema, vedete, è proprio questo: con l’Italicum c’è la quasi certezza che, comunque andrà a finire…finirà male.
L’Italicum spaccherà quel che rimane del paese e non ci consegnerà il bipolarismo e l’alternanza di cui i renziani parlano, ma il Partito Unico della Nazione.

Guardate che i campanelli di allarme servono proprio a questo.
A fermarsi, a ragionare e a intervenire prima che sia troppo tardi.

A nulla in futuro servirà aver avuto ragione se non si sarà evitato, ora, un possibile disastro.

Sospendo l’attività del mio blog, perchè sono indignato e preoccupato.
Anche questo è un modo di comunicare, forse più efficace di sterili denunce quotidiane.
Talvolta, la miglior forma di presenza è l’assenza…

Invito tutti a fare quanto possibile per fermare questo scempio.
Mi appello alle Istituzioni di questo paese perchè fermino questa deriva autoritaria.

E poi vada come deve andare.
Io di più non posso fare.

Arrivederci, ragazzi.
Forse…

ps: voi pensate e credete davvero che molti tedeschi o italiani non ritenessero esagerata la posizione critica di chi denunciava derive autoritarie negli anni ’20?

Posted in: #NuovaResistenza