ANCHE I GATTI MORTI RIMBALZANO (FORSE) #ItaliaFALLITA

Posted on giugno 8, 2015 di


Come vi dico da anni….E’ SOLO QUESTIONE DI TEMPO..

E come vi dico da settimane, i mitici fattori esogeni (che ci porterebbe a crescere di uno spaventoso +0,6% dopo anni di crisi nerissima…) si stanno un poco mettendo di traverso…

Perchè, chiaramente, un gatto morto puo’ rimbalzare..ma se sei #ItaliaFALLITA neppure con i calci nel culo fai performances decenti

E ora, abbiamo anche i nostri decennali che cominciano a gufare…

Schermata 2015-06-08 alle 14.11.45

Mettetci il Grexit, le tensioni Usa-Russia (ehi, ho detto per caso anche FIFA???), le bolle sparse qui e là nel mondo, la Cina e mia sorella in carriola, shakerate bene e allacciatevi le cinture di sicurezza.

Non ci sarà cialtrone e delinquente che tenga (ho detto per caso Renzi Matteo?)

Italia-game-over-crisi.jpg?resize=580%2C480

Come sapete, nelle ultime settimane, sui mercati si è assistito ad un generalizzato aumento dei rendimenti delle obbligazioni, che ha determinato la diminuzione dei prezzi.
Del tema ne abbiamo parlato QUI, individuando anche alcune cause.

Sapete anche che il Governo, lo scorso 10 aprile, ha varato il DEF 2015 (Documento di Economia e Finanza), che contiene le previsioni di crescita.
In un post precedente, abbiamo detto (in realtà è il Governo che lo dice, nel DEF) che, nel 2015, la performance dell’economia italiana sarà in larga parte attribuibile ai fattori esterni e cioè al basso prezzo del petrolio, all’euro debole e ai bassi tassi di interesse. Tutti fattori che si stanno si stanno indebolendo, considerato il recente appezzamento dell’euro, la risalita del prezzo del petrolio e l’aumento dei tassi di interesse.

La tabella che vedete, tratta dallo stesso DEF, riporta le previsioni de fattori esogeni che dovrebbero contribuire alla determinazione della performance dell’economia italiana

deffffffe.png

Il prezzo del brent è stimato, per il 2015, a 56.7 dollari al barile, e stabile a 57.4 dollari negli anni successivi. Oggi il brent è a 62 dollari.

Il tasso di cambio dell’euro contro dollaro è stimato a 1.08 (1.07, negli anni successivi). Oggi il cambio euro dollaro è a quasi 1.13.

Fatta questa premessa, ciò che più colpisce è la stima della dinamica dei tassi di interesse.Ad esempio, il governo ritiene che i tassi a lungo termine (evidenziati con la linea rossa)si manterranno eccezionalmente bassi, prevedendo un tasso medio del 1.60% per il 2015, fino ad arrivare al 2.58% nel 2019.
Vale la pena ricordare che ad oggi, in piena manovra espansiva da parte della BCE, i tassi sul decennale (lo stesso titolo che il governo considera nella definizione di tassi a lungo termine)sono già al 2.20% ben al di sopra della stima per il 2015 e molto vicini ai livelli previsti per il 2019.

Ma questo è poca cosa in confronto alle previsioni per gli anni successivi, che sembrano poco coerenti con la realtà che verrà. Una delle ragioni per le quali la BCE ha messo in campo il QE da 1100 miliardi di euro, è proprio quella di riportare l’inflazione nell’area euro vicina al 2%. (QUI potete leggere un approfondimento sul quantitative easing della BCE).
La Bce ha addirittura affermato che il piano di acquisto dei titoli (60 miliardi al mese ripartiti tra i vari paesi) durerà fino a settembre 2016 e comunque fino a quando l’inflazione attesa nel medio periodo non avrà raggiunto un target vicino al 2%.

E il punto è proprio questo. Ossia, se il governo prevede dei tassi così bassi almeno fino al 2019, è perché l’inflazione sarà destinata a rimanere ben al di sotto del target della Bce, fissato al 2%. Altrimenti non si comprenderebbe in che modo l’Italia possa contenere così significativamente il costo per quel titolo. Ma se l’inflazione non riparte, il debito sarà destinato ad aumentare anziché diminuire. Per il semplice motivo che non potrà essere smaltito per via inflattiva. Se il debito aumenta ancora, si arriverà al punto che i mercati esigeranno un maggior premio di rischio e quindi un maggior costo, in termini di interessi passivi, per le casse dello stato.A questo punto vale la pena considerare anche le previsioni del governo sull’inflazione.

deflattore.png

Il governo stima il deflatore del PIL a 0.7% nel 2015, 1.7% nel 2016 e 1.8% negli anni successivi.

In pratica, secondo le previsioni del governo, il costo reale per il BTP decennale, dato dalla differenza tra i tassi di interesse e l’inflazione, sarebbe così determinato:

COSTO%2BREALE.png

Quindi il governo, per le emissioni dei BTP decennali (cioè i titoli che abbiamo considerato ai fini del ragionamento), stimerebbe un costo reale vicinissimo allo zero (soprattutto negli anni 2016 e 2017). Qualcosa di veramente improponibile, sistematicamente smentito dai precedenti storici, che dicono che il costo reale del debito si è sempre manifestato di gran lunga superiore alle speranze che il governo ha espresso nel DEF dello scorso aprile.

FONTE: http://www.vincitorievinti.com/

ps: sempre dal medesimo blog di Paolo Cardenà, vi invito a guardare questi grafici…

Siamo quelli che hanno fatto peggio in questi anni…e i nostri redditi sono rimasti al palo.

redditi%2Breali%2Bnei%2Bvari%2Bpaesi.png

Hanno spazzolato i risparmi "brutti,sporchi, cattivi, frutto dell’evasione, etc degli italiani"…
Il paese è al tracollo economico…
Il debito pubblico è cresciuto, ma, TUTTI, dicevano che "meno male che gli italiani sono poco indebitati" (a livello privato)

Emh…qualcosa inizia anche sotto questo versante a non tornare.

debito%2Bprivato.png

variazione%2Bredditi%2Brealiiii.png

variazione%2Bredditi%2Breali%2Bdebito.png

– la Germania ha ridotto l’indebitamento, e i redditi reali in aumento del 26%:

– In Francia l’aumento dell’indebitamento ha seguito la stessa dinamica dell’aumento dei redditi;

– in Grecia, l’indebitamento delle famiglie è aumentato di oltre 4 volte rispetto alla variazione dei redditi;

– In Spagna la variazione dell’indebitamento è stata quasi doppia rispetto all’aumento dei redditi

Mentre, in Italia, il ritmo di aumento del debito privato (sempre riferito alle famiglie) è stato 12 volte superiore a quello della crescita dei redditi reali.

Posted in: #NuovaResistenza