Dopo la Grecia, l’Italia?

Posted on luglio 15, 2015 di


L’umiliazione inflitta alla Grecia non è avvenuta per caso.
Da mesi scrivo come, ormai, in Europa siamo giunti al redde rationem.
La Germania, come sempre sostenuto, non cederà mai (salvo che gli altri Stati non si sottomettano totalmente e non facciano quanto richiesto)

Da circa tre anni sul blog scrivo che "la Grecia è lo specchio dell’Italia che verrà".
E’ la nostra macchina del tempo.

Certo, l’"Italia non è la Grecia"..
Lo so e l’ho detto milioni di volte.
Ma la storia non cambia.

La Germania ha sfruttato in pieno la costruzione dell’Europa e l’adozione della moneta unica.
Ha ottenuto tutto quello che poteva (riunificazione con la ex Ddr inclusa)

Cedere oggi alla Grecia, avrebbe voluto dire cedere domani alla Spagna, all’Italia, alla Francia, etc, etc

Serve una punizione esemplare, perchè tutti comprendano che "o si fa come dicono i tedeschi o nada…"

Ho paragonato Renzi a Quisling/Mussolini e i piddini ai repubblichini.
Sono stato insultato da gente ignorante sui social media.
Al netto delle OVVIE differenze storiche e politiche, i parallelismi ci sono tutti.
Napolitano e i premier che ci ha imposto potrebbero anche essere incriminati per alto tradimento.

Ad ogni buon conto, lasciando perdere queste provocazioni da pessimo blogger complottista, ecco il pensiero di Schauble (da fonti attendibilissime..)

Tra le altre cose…si dice che "la situazione in Italia è drammatica. Le banche sono sopravvissute fino ad ora solo grazie al fiume di denaro fornito da Mario Draghi"

In Italia non si vuole prendere atto del fallimento dell’Europa e dell’euro perchè questo significherebbe spazzare via una parte consistente della nostra classe dirigente, ma la realtà è questa.

Paesi come Spagna-Francia- Italia dovrebbe chiedere la rinegoziazione rispetto alla loro partecipazione alla Europa-euro o optare per una uscita concordata-coordinata.

Ma questo non succederà fino a quando al governo di questi paesi ci saranno personaggi tipo Renzi e prevarranno le logiche politiche interne dei singoli stati.

Ricordate: solo 1 o 2 anni fa in molti parlavano di "Stati Uniti d’Europa"…

E’ passato solo 1 anno: oggi nessuno più sogna simili idiozie irrealizzabili.

Questa è l’Europa..così è stata costruita…

I tedeschi hanno da sempre avuto un disegno politico, gli altri paesi no.

Non ci sono vie di uscita.

O resti in questa Europa (e ne paghi il prezzo) o esci.

Punto.

Tertium non datur.

Sveglia “europeisti” da sogno: la UE secondo Schauble non vi include.

Una mia lettrice, la signora Muller, mi manda un articolo del Deutsche-Wirtschafts-Nachrichten. “E’ illuminante, lo faccia tradurre”. Anche se non so il tedesco, il titolo è perfettamente chiaro a chi non vuole nascondersi dietro pie illusioni:

Schäubles Plan: Deutschland muss raus aus dieser Euro-Zone

La Germania deve andar via da questa euro-zona! Raus!

Per il resto mi sono affidato al traduttore automatico, anch’esso non proprio ideale, però sufficientemente esplicito. Leggetelo, e vedete coi vostri occhi.

(Sommario)

“L’umiliazione della Grecia al vertice non è stato un incidente . Fa parte del programma che Wolfgang Schäuble ha a lungo perseguito. E’ giunto alla conclusione che tenere l’UE nella sua forma attuale non funziona. Egli si è impegnata a stabilire un’unione politica; questo è possibile solo con i paesi selezionati . La Grexit è fix previsto. Altri stati seguiranno . Alla fine si vedrà chi si adatta alla Germania e chi no. L’ormeggio è tragliato. Irrevocabilmente.

Articolo:

Wolfgang Schäuble si considera come l’architetto di una nuova unione in Europa. L’umiliazione senza precedenti che ha inflitto alla Grecia è freddo calcolo: Il Grexit è una componente importante di questa nuova strategia – le norme ti saranno applicate con la massima severità. La prova di questo piano è schiacciante. L’espulsione della Grecia è cominciata con i negoziati con il governo Syriza. Schaeuble rifiuta Syriza. E ‘un vecchio partitante, e vuole dimostrare a se stesso che si può compiere la missione che s’è dato a forza diligenza, disciplina e perseveranza. Il Bundestag tedesco è stato sotto la guida del duo Schäuble e Merkel, i deputati fanno ciò che comandano loro i due partiti. Gli altri sono insignificanti. Schäuble è un ideologo della Grosse Koalition che, quindi, ha una profonda avversione a nuovi partiti. Il governo Syriza è stata una manna dal cielo per Schäuble: non ha dovuto affrontare i suoi colleghi di partito. L’ex ministro delle Finanze Yanis Varoufakis lo ha spiegato chiaramente in una intervista nel New Statesman: la troika aveva mai preso sul serio le sue proposte, nemmeno le hanno considerate. Hanno chiesto un piano globale, e “solo dopo” si sarebbero discussi i dettagli.. Quando Syriza ha presentato una nuova proposta non ortodossa è stata respinta senza alcuna spiegazione. Proprie contro-proposte non le hanno concretizzate. Come ha detto Varoufakis a un certo punto a Schäuble, non si poteva più giocare secondo le vecchie regole, dopo le elezioni in Gracia, e Schäuble ha risposto: Abbiamo 19 paesi dell’euro c’è sempre da qualche parte una elezione. Se cambiamo le regole dopo ogni elezione…. Abbiamo accordi, e va rispettati – non importa chi è al potere e ciò che ha promesso. Ciò è stato confermato anche nel programma che Schauble ha tirato fuori dal cappello sabato. Le condizioni draconiane imposte per dare i crediti ulteriori erano politicamente inaccettabili, pensava; nessun primo ministro le può approvare. Ambrose Evans-Pritchard del Telegraph, uno dei migliori osservatori della crisi dell’euro, scrive che Schäuble era l’unico che era pronto con una proposta concreta alternativa per l’uscita di euro la Grecia: gli aiuti umanitari, un supporto la nuova dracma da parte della BCE – tutto questo suona oggi come decisamente amichevole rispetto al programma che Alexis Tsipras dovuto firmare alla fine. Non si può evitare l’impressione che Angela Merkel sia rimasta sorpresa che Tsipras, alla fine, accettasse. Durante la lettura del patto s’è impappinata tanto, che si intuiva che pensava: “Non si potrebbe annuncia piuttosto il Grexit?”. E ‘estremamente improbabile che la Grecia possa attuare ciò che questo accordo contiene: con Tsipras, la sofferenza durerà altri tre mesi. Avrà tutto e scoprire che non ha funzionato, al più tardi in autunno. Schäuble aveva sperato che Tsipras scegliesse la Grexit. Ma Tsipras è ingenuo in termini di realpolitik, e di fronte a incalliti e duri politici come Schäuble, è trasparente. Tsipras sogna un mondo migliore – che lo rende simpatico. Ma in realpolitik si tratta di interessi. La politica è il precursore della guerra con altri mezzi. La Grexit è inevitabile, perché la Germania non accetterà di rendere la zona euro ancora più completamente disfunzionale. Se Tsipras avesse letto il popolare Bild come portavoce Schäuble, avrebbe capito il messaggio che è stato tamburellato da mesi: Non saremo con voi. Vi insulteremo fino a quando sarete obbligati a lasciare la stanza. Se Merkel e Schäuble anche visto solo una minima possibilità di mantenere la Grecia nell’euro, avrebbero presentato un contratto diverso. Oltre l’austerità del tutto insensato che hanno imposto, anche se solo come una foglia di fico, avrebbe posto alcune cose positive: investimenti da altri paesi UE, Fondi di investimento, assistenza da parte delle banche della BEI e BERS dell’UE eccetera. Invece si tratta di un diktat – esattamente come voleva essere. Schäuble vuole avere la Grecia fuori dall’euro. Se fosse stato interessato a mantenere i greci, avrebbe dovuto affrontare la questione di assicurazione dei depositi. Dopo tutto, molte le banche in Grecia non riapriranno mai, come sanno i greci.Uno dei punti del diktat è che le banche devono essere direttamente responsabili per la BCE. Reuters ha citato un banchiere centrale, secondo cui delle banche greche, ne sopravviveranno al massimo due su quattro. Le banche hanno depositi sotto i 100.000 € pari a circa 100 miliardi di euro; saranno tosati i depositi. Le banche anche. Si prevedono espropri su conti correnti oltre gli 8.000 euro. L’assicurazione sui depositi, valida in Europa, la Grecia non la può pretendere. Ci saranno gravi perdite. Della unione bancaria europea, che è stato celebrata qualche mese fa come un traguardo quasi raggiunto, nessuno parla di più. La Germania né vuole né può salvare le banche greche, Schäuble è netto. I controlli sui capitali restano in vigore per mesi. Schäuble, a Tsipras ha proposto un altro accordo: vada fuori dall’euro. La tosatura arriverà sia attraverso l’uscita volontaria della Grecia nei prossimi giorni o settimane. O dopo la prossima crisi in autunno.

Con la partenza della Grecia dall’euro Schäuble vuole inviare un messaggio chiaro agli altri Stati del Sud: riflettete a ciò che desiderate. Ognuno sarà trattato come la Grecia. Alle regole si adempie volontariamente, o ti costringiamo. Si può supporre che dopo l’esecuzione della Grecia e l’offerta “generosa” della Troika, gli altri penseranno due volte alla trasformazione del proprio paese in un euro-protettorato. Se non pensano di essere costretti ad abbandonare, lo faranno gli euroscettici che crescono nei loro paesi. Il tempo è dalla parte di Schäuble: perché la situazione in Italia è drammatica. Le banche sono sopravvissute fino ad ora solo grazie al fiume di denaro fornito da Mario Draghi. In Spagna, tutti i dati economici sono molto peggio di quanto ufficialmente dichiarato. Con Podemos, minaccia di emergere anche là una Syriza ispanica. Schäuble non negozierà con gli interessati. Egli non discuterà con Marine Le Pen. Egli si sbrigherà di tutti loro con l’accetta. Schäuble ha detto già nel novembre 2011 sul New York Times, come vede l’Europa. Ha delineato la sua tabella di marcia:

« In un contesto più ampio che abbiamo bisogno di un’unione politica. ” …”Ci sarà un periodo transitorio limitato, in cui dobbiamo gestire il nervosismo dei mercati. Se è chiaro entro la fine del 2012 o alla metà del 2013, che abbiamo tutti gli ingredienti per nuove strutture politiche rafforzate e approfondite, allora penso che funzionerà.”

Il New York Times scrive che Schäuble vede i disordini sui mercati, “non come un ostacolo, ma come una necessità…. Siamo in grado di realizzare una unione politicasoltanto se abbiamo una crisi”

Schäuble non è del tutto nei tempi previsti. Ma qualche anno più o meno, non ha importanza.

Schäuble ha anche sempre detto che la zona euro non funziona in una Unione incompiuta. Come avvocato sa che l’Eurogruppo nel lungo periodo non può prendere le decisioni politiche per la zona. Varoufakis ha raccontato un episodio importante. Quando volevano escluderlo nel corso di una riunione dell’Eurogruppo delle discussioni, aveva protestato: non è possibile escludermi, perché l’euro-gruppo deve decidere all’unanimità. Ci fu un breve scompiglio. Poi hanno chiesto un parere agli avvocati. Un funzionario ha risposto a Varoufakis: L’Eurogruppo non esiste legalmente, quindi non ci sono regole….

Peraltro, Schäuble ha ripetutamente detto che ci deve essere un parlamento limitato ai paesi della zona euro: “Posso immaginare che ci sia un parlamento per la zona euro”, il Schäuble ha detto nel gennaio 2014 ad un evento del Partito suoi popolare europeo (PPE ) a Bruxelles. “Abbiamo bisogno di migliorare l’integrazione europea in modo intelligente e mantenerla, modificando i trattati (UE).” L’affermazione di Schäuble è venuto in risposta ad una proposta francese, favorevole interventi del Parlamento europeo nelle decisioni per la zona euro. Non Schäuble: “Sarebbe abbastanza facile da realizzare se si fondasse un parlamento per la zona euro.” Avrebbe più amici

quando si tratta di introdurre norme più severe sulla disciplina di bilancio.

Schäuble progetta un tale Parlamento dove è persino inimmaginabile che lui sia costretto a sporcarsi le mani in riunioni con Syriza, con Podemos o, Dio ci scampi, Beppe Grillo. Vuole Parlamento da Grosse Koalition come il Bundestag, dedito alla missione della continuità. Schäuble considera le istituzioni politiche non come luoghi di cambiamento dinamico, ma come luoghi di stabilità. Nel Bundestag tedesco siedono molti avvocati, un numero sporporzionato: è una Camera di rappresentanti esattamente secondo il gusto di Schäuble. Nella crisi attuale, è il Bundestag tedesco a contrapporsi al Parlamento greco. Schäuble vede il Parlamento come un grande studio legale: seguire la volontà dei soci. L’idea che in Parlamento alcuni potrebbero non funzionare come previsto dal regolamento di procedura, gli è intollerabile. L’UE sta diventano obsoleta, nel pensiero di Schäuble. Gli inglesi sono già mezzo fuori e continueranno a distanziarsi: si è già visto sul problema dei profughi (sulle coste italiane): duri come chiudi. Anche per il salvataggio della Grecia non pagheranno. Gli italiani, spagnoli e portoghesi sono renitenti all’austerità? Bene. Rimarranno: Germania, Austria, Paesi Bassi, Lussemburgo, Slovacchia e, se possibile, in Francia; ma questo è molto discutibile se Le Pen prende il potere. Anche la Finlandia non è necessaria: la sua situazione economica è malmessa, e gli euroscettici sono al governo. Questa nuova zona euro avrà il carattere di vera e propria unione politica nell’idea di Schäuble: unione di trasferimento, la casa comune, un ministro delle Finanze con pieni poteri, l’assicurazione sui depositi bancari in comune, l’assicurazione contro la disoccupazione in comune in tutto il programma integrativo. Sono esattamente questi obiettivi finali del piano di Schäuble. Da qualche giorno sappiamo che la crudeltà non gli sarà di ostacolo per la sua attuazione. Già troppo in gioco: le vicissitudini del vecchio, morente euro costano ai contribuenti tedeschi centinaia di miliardi di euro. Schäuble conosce i veri numeri esattamente – e sono terribili.

Pertanto , la terribile fine è iniziata . Per Schäuble e Merkel , che vedono loro sondaggi (dell’elettorato tedesco) concordi da tanto tempo, , è chiaro che non si può tornare indietro . Vedono chiaramente che un fronte rosso e rosso-verde sta fermentando nella UE contro il loro tipo di politica . Il tempo sta finendo. La demolizione della vecchia UE è avviata . Ci saranno danni collaterali, ma questi, così pensa Schäuble , saranno inferiori se si confrontano con quelli che dovranno subire greci, italiani , eccetera. Il dopoguerra è finito . Il cavo d’ormeggio è tagliato . Irrevocabilmente .

A quelli che ci hanno legato all’euro: siete scaduti

(Blondet):

Se avessi voglia di congratularmi con me stesso, potrei rallegrarmi dei titoli che ho postato in questi giorni. “Il piano B di Schauble: fuori tutti i PIIGS”; “Alla fine dovremo forse ringraziarlo, Schauble”, “L’euro si spacca, ecco come farlo”…Potrei persino aggiungere (se avessi il tempo di cercare in archivio) un titolo di molto tempo fa, che squillava: “Via la Germania dall’euro!” – l’idea che dovevamo essere noi latini e mediterranei coalizzati, se mai, a sbatterli fuori e a obbligarli a tornare al marco, visto che rifiutano ogni solidarietà europea. Adesso vedo che effettivamente meditano, la Merkel e Schauble, di uscire dall’euro: Raus! E ciò, almeno dal 2011.

E’ questo il punto per cui non posso concedermi il lusso narcisistico di rallegrami d’aver visto giusto. “Loro” si sono preparati, stanno attuando un progetto pensato in modo esatto di smantellamento della zona euro – naturalmente a loro vantaggio, e a vantaggio dei loro satelliti – e noi, invece, non siamo preparati. Hanno il potere e i mezzi per farlo; i nostri governanti (chiamiamoli così) saranno presi di sorpresa. Una volta di più, l’implosione della moneta unica ci coglierà come “emergenza”. Semplicemente perché questa serqua di euro-entusiasti, questo popolo di euro-credenti, di vacui seguaci attardati del mito sfiatato della “unione europea”, questi sognatori del “federalismo” che loro intendono come il giorno in cui i tedeschi metteranno in comune i loro guadagni con le nostre perdite, non vogliono capire: Raus! L’eurozona è obsoleta!

Vorrei dire una cosa sola agli “europeisti”. Anzitutto a quelli che ci hanno affondato nella rovina: ai Napolitano, a Mario Monti, a Letta, a Renzi, a Padoan a tutti quelli che si congratulano perché “abbiamo tenuto la Grecia nell’euro”, perché “abbiamo salvato l’euro”. Ai Giavazzi-Alesina, agli Oscar Giannino e compari che deridono i sovranisti, i mattoidi anti-euro, vorre fare una domanda: vi rendete conto che siete politici scaduti come sofficini Findus del ’92? Che le vostre idee “politiche” sono superate come i pantaloni a zampa d’elefante? Che non avrete più nulla da fare nè da pontificare nella nuova temperie? L’euro sta per essere distrutto, e voi non avete altra idea da proporre. Nient’altra alternativa che sospirare: “Ah, ci vuole più Europa, non meno”, “Ah, il ritorno dei populismi!, ovvove ovvove””. “Ah quel Salvini senza solidarietà!”. Nient’altro che piagnucolare supplicare, “teneteci dentro, facciamo i compiti, facciamo le riforme, paghiamo altri 40 miliardi per salvare le banche tedesche – pardon la Grecia.”. Voi scodinzolatori, che avete inflitto al popolo elettore e contribuente inutili sofferenze per “restare nell’euro”: è finita. Siete avviati a finire nella discarica, nel cesso della storia.

Anche agli “europeisti” di massa, che sono ancora la maggioranza in questo paesi di furbi idioti collettivi: il vostro “sogno” non ha più corso. Presto vi faranno tornare alla lira, e come sempre, non in modo concordato e pacifico, ma in emergenza e nel disordine. Presto sarete anche voi in fila ai bancomat come i greci che vedete al tg. Avete sentito? “La situazione in Italia è drammatica. Le banche sono sopravvissute fino ad ora solo grazie al fiume di denaro fornito da Mario Draghi”. So che non credete. Ci sono abituato. Siete quelli che schernite come “complottista” quelli come me che vi dicono in anticipo quelloc he sta per succedere.. Adesso non avete ritirato quel po’ di contanti che vi consenta di sopravvivere il prossimo autunno, quando dai Bancomat non uscirà niente e quando il vostro conto corrente sarà tosato – vi diranno – “per salvare le banche”. Magari ridete di queste Cassandre…ridete pure. Beh, anche se non siete i più colpevoli, vi meritate il peggio.

Come mai i tedeschi hanno torto anche quando han ragione

Quanto all’articolo di cui sopra, spiega in modo folgorante le due o tre cose che rendono i tedeschi, collettivamente, con tutte le loro virtù, una sciagura. Per l’Europa e, alla fine, per se stessi. Se si legge bene, si vede il motivo per cui vincono le battaglie e perdono le guerre.

Peggio ancora: che riescono ad aver torto anche quando hanno completamente ragione. La loro “impoliticità” tragica e comica assieme.

Perché Wolfgang Schauble ha ragione. Sì, la zona euro nella sua forma attuale non funziona. Vede con lucidità quel che gli “europeisti” dei nostri governi si rifiutano di vedere: che l’unione dei trasferimenti, il “federalismo”, non è realizzabile con 19 paesi che hanno sempre una elezione prossima o in corso, così dovergenti economicamente da non poter sperare mai in una convergenza – se non con un esborso, anzi una emorragie delle sostanze tedesche senza alcuna prospettiva – come i 50 miliardi annui che il Nord Italia dilapida in trasferimenti al Meridione, senza che questo si sollevi dal suo marasma, ormai da cinquant’anni non è che un buco nero verminoso di criminalità. Mica è un cretino, Schauble.

Chi più lucido di Schauble? E chi più europeista di lui? Vuole arrivare – eccome – ad una zona di trasferimenti, ad una vera moneta unica; con un parlamento dei soli paesi che adottano l’euro…selezionati dalla crisi. La crisi selezionerà quelli che ce la fanno ad adeguarsi al rigore tedesco, e quelli che no: questi ultimi si escluderanno da soli. O saranno brutalizzati come la Grecia, finché – guaendo sotto la frusta – non lasceranno la presa.

Dove riesce ad aver torto, dunque, avendo così palesemente ragione? Nel modo, come vedete. La Germania è, come credo dicesse Thomas Mann, “una struttura di comando e di obbedienza”. Quelli che non parlano tedesco, nè dimostrano la loro germanicità nel rigore dei conti, non meritano di essere messi al corrente del progetto; sopratutto, non devono ricavarne alcun vantaggio. Marine Le Pen sarebbe d’accordissimo sul fatto che dall’euro bisogna uscire: ma lui non si abbassa a trattare con la Le Pen. Non riesce a capire né accettare che in Francia (come disse ancora Mann) essere “patrioti” significa la Rivoluzione, patriottismo significa disobbedire e discutere, che la politica è dinamica, è cambiare le cose, non la continuità. Figurarsi poi se dovesse mettersi a trattare sullo smantellamento dell’euro con Beppe Grillo: e qui posso capirlo.

Ma tuttavia, questo modo brutale di fare la cosa giusta, è vergognoso e lui non se ne accorge; è crudele e lui lo vuole, perché è necessario e funzonale al progetto giustissimo, e perché (citando Clausewitz al contrario) “La politica è il precursore della guerra con altri mezzi”. Inve no. Se è vero che la guerra è la prosecuzione della politica con altri mezzi, il concetto non è palindromo: la politica non deve essere intesa come il prodromo di una guerra.

Potrei raccontarvi delle cose su come i generali Hinderburg e Ludendorf condussero la Grande Guerra con straordinaria intelligenza e capacità…fino al giorno in cui (stavano arrivando sul fronte gli americani) di colpo, comunicarono al loro governo di chiedere la resa – e la resa immediata – perché non avevano più uomini da gettare nel fuoco della prima linea. Avevano esaurito letteralmente, le classi di età – i tedeschi eroicamente, perfettamente e con somma disciplina essendosi dissanguati con 2 milioni di morti e cinque milioni di invalidi – sicché, senza che un solo straniero fosse entrato dentro i confini della patria, c hiesero la resa. Avevano trascurato la “politica”.

Potrei raccontarvi del vero grande errore di Hitler. Attentissimo al favore del poplo (sondati dai suoi servizi), si s tudiò fin quasi all’ultimo di riapsrmiare ad esso i sacrific della guerra, le arzioni, le scarsità, i rincari. La soluzione fu geniale: mettere gli eserciti tedeschi d’occupazione a carico dei paesi occupati. In patria, la guerra “non costava” quasi. Il danno collaterale è che non poté applicare la politica – tanto astutamente adottata dagli Usa – del”liberatore”: Europei, vi sto liberando dai comunisti, dagli ebrei. I nemici dovevano restare nemici anche dopo che avevano abbracciato il Reich persino con entusiasmo, i francesi (a cui non fu consentito di avere come capitale Parigi, che restò parte della Francia occupata, da usare per mantenere gli eserciti). Quando gli ucraini accolsero in festa i soldati nazi – liberatori dal comunismo – e chiesero in 300 mila di entrare nelle SS combattenti, i comandi tedeschi non volevano; non gli conveniva, meglio che restassero “nemici” da sfruttare. Alla fine ne accolsero 30 mila, col contagocce. Nella Repubblica di Salò, il ministro Pellegrini Giampietro fece la sua prima litigata coi generali germanici quando intimò loro di ritirare la moneta di guerra di cui avevano inondato il Nord Italia, “perhé adesso siamo alleati, o no?”. E i teedschic edettero, perché sono così:capiscono quel che è giusto.

C’è qualcosa di bottegaio che gli rovina sempre i grandi progetti universali (“Quanto ci costa? Facciamo i conti…”). Un provincialismo che li rende piccini davanti alla storia, e dalla parte del torto, come si vede benissimo adesso. Non è un motivo razziale. E’ un motivo profondamente culturale, s u cui ci sarebbe da scrivere volumi. In breve, oso dire: oltre il Reno non è arrivata Roma, quindi non è arrivata la politica come grande e generoso sistema d’integrazione, come cittadinanza, come “chiamata genti diverse e originariamente ostili” ad una grande impresa comune.

Ma di questo, basti. I nostri poltiic sono ancor peggiori- per nostra e loro disgrazia, non c’è un Pellegrini Giampietro. Del resto, la mia esperienza mi ha mostrato che i popoli cnon cambiano mai. A meno che non intervenga il Logos, la “forma” che dà significato e dignità alla “materia” etnica, razziale e bassa. Ma anche questo è un altro discorso.

fonte: http://www.rischiocalcolato.it/

Posted in: #NuovaResistenza