In Svizzera italiani come cavie umane per 1000 franchi. #lavoltabuona

Posted on settembre 29, 2015 di


Deve essere il segnale del Rinascimento italiano…Dell’Italia della speranza, contro l’Italia dei gufi…
Del paese che riparte, perchè questa è #lavoltabuona…

Oppure l’inequivocabile segno del fatto che l’Italia stia diventando la locomotiva dell’Europa…
O del fatto che tra 10 anni supereremo la Germania
O dell’ stupore che stiamo generando in tutto il mondo-globo-pianeta-universo…

Deve essere proprio così.
Pessimista, stolto, cieco che non sono altro!

Due giorni da cavia in una clinica svizzera per 1000 franchi. Ma se il farmaco da sperimentare richiede uno studio più complesso il cachet sale e si può arrivare ad intascarne anche tremila. Sono quasi tutti lombardi i duecento nominativi che figurano in un registro conservato in una stanza dell’Ufficio del Farmacista Cantonale a Mendrisio, dove è scritta la storia dei tanti italiani di confine che nei mesi scorsi hanno provato per primi, sulla propria pelle, farmaci sperimentali in cambio di moneta elvetica. Tanti milanesi, seguiti a ruota da varesini e comaschi, di sesso maschile (il 75%) e perlopiù giovani; ma ci sono anche anziani e persone di mezza età che approfittano della circostanza per risparmiare sul costo del ticket che un check up completo, come quello cui vengono sottoposti prima dei test, comporterebbe per le loro finanze. «I dati oggi a nostra disposizione ci dicono che nell’ultimo ciclo di sperimentazioni abbiamo avuto un consumo di 190 volontari – spiega Giovan Maria Zanini, Farmacista cantonale e presidente del Comitato etico che controlla e disciplina i test medici – più del 90% proviene dalla Lombardia e la gran parte di queste persone risiede in un raggio di 50-100 chilometri dal luogo della ricerca. Un gran numero di milanesi, poi persone di Varese e di Como».

La sicurezza e gli effetti

La variabile «vicinanza» è elemento insindacabile per chi aspira a diventare una cavia umana nella Svizzera italiana. A differenza di quanto accadeva a Basilea (cavie reclutate nei Paesi Baltici e riportate a casa in aereo senza poi più interessarsi al decorso e agli eventuali effetti collaterali in chi aveva ingerito pasticche sperimentali) qui in Ticino le regole sono sempre state chiare, sin dall’inizio, cioè da quando negli anni ‘90 si è assistito alle prime delocalizzazioni di imprese italiane operanti in questo settore: tutte le cavie non devono abitare troppo lontano dalle sedi dove si recheranno per testare i farmaci (oggi è rimasta solo la Cross di Arzo). «È una questione di sicurezza – dice Zanin – se qualcosa va storto dobbiamo capire subito qual è il problema e come agire». Come nel caso di una ragazza di 24 anni di Como che è stata ricoverata in ospedale dopo l’effettuazione di un test: le compresse che le avevano somministrato avevano causato coliche biliari. «È intervenuto subito il Comitato etico – racconta Zanin – che ha imposto all’azienda farmaceutica di risarcire la donna». Dal registro di Zanin salta fuori che fra i «frontalieri» che vengono a fare le cavie in Ticino ci sono tanti studenti universitari: «È il volontario ideale per noi – precisa il farmacista cantonale – perché capisce subito cosa vuol dire fare una sperimentazione. Fa i test perché quella busta di 1.000 franchi gli serve per lo scooter o per farsi una vacanza». Viagra generici, antidiabetici, antiipertensivi: il catalogo dei prodotti è vario. C’è una postilla di natura etica però: in questa faccenda che – aggiunge Zanin – «ha un po’ a che fare con la vendita del proprio corpo”» sono esclusi i disoccupati. Loro non possono venire a bussare alla porta di chi recluta cavie. «Il disoccupato non può sottoporsi ai test – afferma con fermezza il farmacista cantonale – perché la sua condizione non gli consente di essere libero di scegliere».

fonte: http://milano.corriere.it/

Posted in: #NuovaResistenza