L’asservimento dei giornalisti italiani

Posted on febbraio 2, 2016 di


Non c’è da aggiungere molto altro: l’ennesima conferma della qualità, della libertà e della professionalità dei giornalisti nel nostro paese.

Cose che su questo blog ho ripetuto da sempre.

Per tale ragione, da circa 5-6 anni non leggo più alcun quotidiano cartaceo e da circa 2-3 anni non guardo più alcun telegiornale e/o talk show politico.

Hanno perso ogni forma di credibilità.

Del resto, quante volte avete trovato su questo blog (al quale posso dedicare pochissimo tempo) verità, fatti, notizie oscurate dai media sussidiati?

Le tv sono in mano ai partiti e/o a imprenditori assai vicini alla politica.

I giornali sono in mano a grandi imprese, banche, assicurazioni, etc

Per questo, nessuno vi ha parlato 2 anni fa del bail in.

Per questo, nessuno vi ha mostrato quale razza di delinquente fosse Renzi.

Per questo vi hanno raccontato che Monti stava salvando il paese (si è visto, eh?)

Per questo, hanno taciuto sulla violazione della Costituzione da parte di Napolitano.

Per questo, vi mentono sulla solidità delle nostre banche.

Per questo, parlano di Quarto per 30 giorni enfatizzando quanto accaduto e tralasciano gli scandali quotidiani che investono il Pd (certo, stare dietro a tutti questi delinquenti non è neppure facile, eh?)

Per questo, nessuno vi ha mai detto che l’italia è già fallita.

Per questo, parlano persino di ripresa economica.

Per questo, non vi hanno detto nulla sul reato di aggiotaggio e insider trading di questi mesi e hanno taciuto sulle banche fallite.

Per questo, non scrivono nulla o quasi su Beppe Sala.

etc, etc

Ovviamente possono continuare a mentire anche perchè voi glielo consentite.

Oppure gli organi competenti possono intervenire…

Dispositivo dell’art. 661 Codice Penale

Chiunque, pubblicamente, cerca con qualsiasi impostura, anche gratuitamente, di abusare della credulità popolare è punito, se dal fatto può derivare un turbamento dell’ ordine pubblico, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a milletrentadue euro.

 

A metà novembre, su iniziativa dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, si sono riuniti intorno a un tavolo di discussione, quasi, tutti i protagonisti della filiera della carta stampata per l’evento dal titolo “La filiera e il ruolo della carta stampata nell’era del web. Mercato, riforme, deontologia”.

Per l’occasione è stata presentata la sintesi di una ricerca comparata sul giornalismo italiano ed europeo curata dal professor Sergio Splendore ricercatore del Dipartimento di Studi sociali e Politici Università degli Studi di Milano dal titolo “L’editoria cambia, il giornalismo resta” che ha presentato i risultati di una ricerca “MediAct” che è stata condotta dal 2010 al 2014 in 14 paesi raccogliendo interviste da 1.762 giornalisti.

I dati sono di estremo interesse per chi abbia a cuore l’informazione e, non a caso, direi, sono passati sotto il silenzio generale. È ora di evidenziarli.

Risulta che il giornalismo italiano è molto influenzato da pressioni politiche ed economiche, percepisce l’importanza dei codici deontologici che però hanno una bassa influenza sul lavoro, è più accondiscendente del giornalismo inglese e tedesco alle linee editoriali del proprio giornale, tiene in maggior considerazione [rispetto a “press council” di altri Paesi europei] l’Ordine dei giornalisti, nonostante sia cosciente dell’importanza dei principali compiti della professione come le notizie imparziali, verificate e oggettive.

C’è una caratteristica tipica del giornalismo italiano che è riconosciuta nella letteratura scientifica internazionale, dagli stessi giornalisti e dai discorsi quotidiani, quella che riguarda l’influenza politica sul giornalismo. Il grafico sottostante mostra la valutazione dei giornalisti italiani, confrontata con altri paesi europei e non, rispetto alle pressioni politiche

Pressioni Politiche Giornalismo

Nel questionario si chiedeva ai giornalisti se avessero mai subito critiche dagli inserzionisti pubblicitari e da partiti o esponenti politici. Il risultato mostra, attraverso la percentuale dei giornalisti che dichiarano di aver ricevuto critiche dall’uno o dall’altro attore, come quelle pressioni si esercitino nel lavoro quotidiano. La pressione della politica è molto più forte di quella derivante dagli inserzionisti pubblicitari anche se quest’ultima ovviamente è tutt’altro che irrilevante.

Pressioni Giornalismo

In particolare,  i giornalisti italiani appaiono i più influenzati dalle pressioni politiche ed economiche, i meno inclini a seguire strumenti di auto regolamentazione, tanto sbandierati ma sin ora davvero poco, o nulla, applicati, e sono anche quelli più pronti ad assecondare la propria organizzazione e la linea editoriale del media per cui lavorano.

Spiace dirlo, soprattutto per rispetto a quelli che invece si attivano quotidianamente per svolgere con dignità morale e professionale il mestiere di giornalista, ma emerge un quadro davvero appannato, di servilismo imperante a tutti livelli. È chiaro che così non si va da nessuna parte, non c’è futuro.

 

fonte: http://www.datamediahub.it/

Posted in: #NuovaResistenza