Fermatelo!

Posted on febbraio 11, 2016 di


Adesso basta!

O interviene qualcuno o qui le cose si mettono male.

Questa è la dichiarazione di oggi di

Da oggi “il sistema bancario italiano è più solido“. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, la notte scorsa nel corso della conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato il decreto per la riforma delle banche di credito cooperativo ed altre misure per il sistema creditizio tra le quali il disegno di legge per la riforma del diritto fallimentare, il recepimento dell’accordo europeo sulle garanzie pubbliche alla cartolarizzazione dei crediti bancari in sofferenza Gacs,

STIAMO SCHERZANDO?

Chiedo alla magistratura di intervenire.

Questo è reato:

Dispositivo dell’art. 661 Codice Penale

Chiunque, pubblicamente, cerca con qualsiasi impostura (1), anche gratuitamente, di abusare della credulità popolare è punito, se dal fatto può derivare un turbamentodell’ ordine pubblico, con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a milletrentadue euro.

Allora, il vostro Premier dovrebbe spiegare perchè, dopo il fallimento di 4 banche (tutte piddine) e il rosso a Piazza Affari nel mese di gennaio dei titoli bancari (con perdite del 30-40-50%) anche oggi, a seguito delle sue parole, la situazione è la seguente:

UNICREDIT: -9,5%
INTESA: – 6,5%
BANCO POPOLARE: -8%
MPS: -10,5%
CARIGE: -8,5%
POP MILANO: -5,3%

BER: -10,5%

UBI: -13,5%

Non si puo’ mentire così spudoratamente agli italiani.
I politici che lo stanno facendo ed i giornalisti che supportano queste menzogne dovrebbero essere perseguiti come stabilito dal codice penale.

Quando si ripeterà un altro suicidio tipo quello a seguito del crack di Banza Etruria, di chi sarà la colpa?
Certo, dell’italiota che ha tenuto lì tutti i suoi soldi, ma non anche di CHI, SAPENDO DI MENTIRE, CONTINUA A DIRE CHE E’ TUTTO OK?

Allora il mercato, che non mi pare sia un associazione di sovversivi-comunisti-fascisti-rivoluzionari, perchè sta massacrando le banche italiane?

Posted in: #NuovaResistenza